DEBAUCHERY – Back In Blood

Pubblicato il 22/03/2007 da
voto
7.5
  • Band: DEBAUCHERY
  • Durata: 01:01:41
  • Disponibile dal: 23/03/2007
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe
Tornano alla ribalta i tedeschi Debauchery con il loro nuovo album, il quarto, intitolato “Back In Blood”. Sono loro stessi a dichiarare che questo album “è la risposta insanguinata alla pietra miliare degli AC/DC Back In Black”. Per giustificare questo altisonante proclama, dicono di avere in comune con la musica degli australiani “il groove e il suono martellante”. Chiariamo subito alcuni aspetti. I tedeschi sono anche in quest’album Six Feet Under dipendenti. La loro proposta musicale quindi non si discosta minimamente da quanto fatto in precedenza, non c’è spazio per sperimentazioni che non siano registrare otto cover per rendere maggiormente accattivante l’acquisto del CD. Le undici nuove tracce sono quindi tutte di ottimo livello e ricalcano lo schema tipo di una song targata Debauchery. Riff lenti, growl, accompagnamento di doppia cassa, scream ed headbanging. Di questo si tratta. Alcuni riff sono marcatamente rock, addirittura potrebbe benissimo cantarci sopra Brian Jhonson degli AC/DC. I tedeschi hanno quindi confermato le loro doti di ottimi scrittori di musica, anche su “Back In Blood” ci sono degli ottimi pezzi. E’ il caso dell’opener “Lords Of Battle”, una canzone dove il growl si accompagna a delle linee melodiche di chitarra salvo poi nel finale diventare molto aspra a livello di chitarre, oppure della rockeggiante “Butcher of Bitches”, pezzo dal lento e possente incedere con tanto di urla di godimento femminile nel finale. Al grido di “Back In Blood/We Are The Kill Team”, ripetuto fino farvelo entrare nelle orecchie con tono intimidatorio, inizia proprio “Back In Blood” altra highlight del disco, caratterizzata dal ritmo sostenuto e dal growl terrificante sorretto dalla doppia cassa del batterista. Sopra le righe anche l’ottima “Death Metal Maniac” dove i teutonici rimarcano il loro credo musicale e dove inseriscono un buon assolo di chitarra, assoli peraltro presenti in quasi tutte le song. Fra le tre cover su otto ascoltabili sul promo, ottimo il rifacimento di “Weisses Fleisch” dei Rammstein che viene ancor di più resa dura dai suoni aspri dei Debauchery, ma anche “I Can’t Dance” dei Genesis che suona davvero strana brutalizzata in questa maniera. Disco globalmente su ottimi livelli, le otto cover sono un ulteriore motivo per giustificare l’acquisto: con i Debauchery, in ogni caso, si va sul sicuro. Senza sorprese.

TRACKLIST

  1. Lords Of Battle
  2. Baptise This World In Blood
  3. Praise The Blood God
  4. Back In Blood
  5. Masters Of The Killing Art
  6. Butcher Of Bitches
  7. Death Metal Maniac
  8. Manhunting
  9. Alcohol Fueled Brutality
  10. True To The Skull Throne (And Bound To Kill)
  11. Storm Of Iron
  12. Can't Dance (Genesis cover)
  13. Weisses Fleisch (Rammstein cover)
  14. 8 Days A Week (The Beatles cover)
  15. Heavy Duty (Judas Priest cover)
  16. Kings Of Metal (Manowar cover)
  17. You Got Me Rocking (Rolling Stones cover)
  18. War Is Coming / Chill Out Version (Six Feet Under)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.