DECEASED – Surreal Overdose

Pubblicato il 06/09/2011 da
voto
8.0
  • Band: DECEASED
  • Durata: 00:43:50
  • Disponibile dal:
  • Etichetta:
  • Patac Records

Spotify:

Apple Music:

È grazie a band come i Deceased se l’heavy metal vero sopravviverà alle tante mode dei giovani gruppi che oggigiorno cercano il loro quarto d’ora di notorietà con ogni mezzo possibile. Gli inossidabili americani, sempre capitanati dal folle King Fowley, tornano dopo sei anni di assenza in studio per regalarci un nuovo capitolo della loro sconfinata discografia, sempre perfettamente a cavallo fra death e thrash metal. Sono passati esattamente vent’anni dal debutto “Luck Of The Corpse” (che chi scrive conserva originale dall’epoca), album che li fece conoscere agli amanti del death all’epoca. Furono anche la prima band messa sotto contratto dalla Relapse. “Surreal Overdose” è un ottimo album che, pur essendo composto dai soliti elementi del suono death metal, risulta essere vario e coinvolgente grazie all’ottimo lavoro di scrittura delle canzoni. Queste infatti, tutte di lunga durata (una media di sei minuti poiché di fatto “A Doom-Laden Aura” è un intermezzo) variano tantissimo e a più riprese – com’è tipico dei Deceased – durante il loro corso. Arrangiamenti di chitarra sempre volto vari e con un ottimo tocco melodico predominante, la voce di Fowley meno cavernosa rispetto ai lontani esordi e soprattutto l’esorbitante lavoro di batteria sempre del gigante americano, rendono “Surreal Overdose” assolutamente meritevole della vostra attenzione. Gli amanti dei cambi di tempo e di stili – di death-thrash si parla – avranno sicuramente di che dimenarsi sulle note di “Skin Crawling Progress”, della frenetica “Off-Kilter” o anche di “The Traumatic” seguendo Fowley nel coro “Feed Them Horror! Feed Them Horror!”… brano assolutamente coinvolgente, uno dei migliori. Da segnalare anche “Cloned (Day Of The Robot)”, dall’ottimo lavoro melodico in sede di riffing e la conclusiva “Dying in Analog”, altro esempio dei forti richiami all’heavy metal negli arrangiamenti dell’album. Con l’horror sempre a farla da padrone a livello tematico, i Deceased pubblicano l’ennesimo ottimo album, un lavoro che contiene molta qualità e che va ad incastonarsi nella valida discografia del gruppo a pieno titolo. Poco è cambiato dagli anni del fulgore death metal, speriamo che il grande pubblico riesca a tributare loro il giusto riconoscimento.

TRACKLIST

  1. Skin Crawling Progress
  2. Kindred Assembly
  3. The Traumatic
  4. Cloned (Day of the Robot)
  5. Off-Kilter
  6. In the Laboratory of Joyous Gloom
  7. A Doom-Laden Aura
  8. Dying in Analog
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.