DEEP PURPLE – Graz 1975

Pubblicato il 05/09/2014 da
voto
7.5
  • Band: DEEP PURPLE
  • Durata: 01:19:56
  • Disponibile dal: 16/09/2014
  • Etichetta: earMusic
  • Distributore: Edel

Da qualche tempo gli archivi storici della fornitissima biblioteca audiovisiva della band inglese ci stanno offrendo una serie di concerti rimasterizzati sotto il sigillo qualitativo garantito dalla The Official Deep Purple [Overseas] Live Series. Dopo la pubblicazione di “Stockholm 1970”, “Copenhagen 1972” e “Paris 1975” è giunto il momento di goderci per la prima volta nella storia il concerto integrale registrato a Graz, in Austria nel 1975. Il pentagono composto da Blackmore/Coverdale/Hughes/Lord/Paice rappresenta per molti l’estrema summa artistica toccata dal profondo porpora, pur senza aver ottenuto l’esorbitante successo commerciale di “Smoke On The Water” e del mastodontico doppio live “Made In Japan”. La cosiddetta Mark III ha sfornato due studio album (il magnifico “Burn” ed il controverso “Stormbringer”), contenenti al loro interno alcune perle entrate di diritto nella storia del rock. Il gig in questione fotografa il tour a supporto di quest’ultimo capitolo discografico, prima che i Deep Purple precipitassero rovinosamente nel vuoto a causa di forti vicissitudini interne, fomentate altresì da un abbondante uso di sostanze stupefacenti. Se da un lato la smodata passione di Glenn Hughes e di David Coverdale nei confronti della black music si è rivelata decisiva per la realizzazione di “Stormbringer”, dall’altro il collettivo britannico è riuscito in quel difficile contesto a mantenere praticamente intatta la sua integrità hard in sede live. Gli otto episodi contenuti in “Graz 1975” sono prevalentemente incentrati sui due capitoli griffati dalla Mark III, eccezion fatta per l’inclusione della celebre “Smoke On The Water” e di un’estenuante versione dell’epica “Space Truckin'”, che supera la soglia proibitiva dei venti minuti di durata. I Nostri offrono il meglio di sè quando attaccano a muso duro senza eccedere in smodate improvvisazioni, probabilmente incentivate dalla divergente visione artistica di ciascun componente. Per inciso, le versioni estese della ‘bluesy’ “Mistreated” e dell’anfetaminica “You Fool No One”, avrebbero giovato di una maggior sintesi esecutiva, che brilla invece nel roboante heavy metal ante litteram di “Burn” e “Stormbringer”. Al contempo l’esotico groove di “The Gypsy” e lo scatentato standard rock’n’roll “Lady Double Dealer” riescono a bissare facilmente la relativa intensità ottenuta nelle versioni in studio. Una volta terminato il tour, Ritchie Blackmore lascerà il gruppo per scrivere un’altra pagina indispensabile dell’hard rock con i suoi Rainbow. I Deep Purple invece recluteranno lo straordinario chitarrista Tommy Bolin, con il quale daranno alla luce l’ottimo “Come Taste The Band”, epitaffio di un periodo unico ed irripetibile per questi dinosauri del rock.

TRACKLIST

  1. Burn
  2. Stormbringer
  3. The Gypsy
  4. Lady Double Dealer
  5. Mistreated
  6. Smoke On The Water
  7. You Fool No One
  8. Space Truckin'
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.