DEEZ NUTS – Bout It

Pubblicato il 09/04/2013 da
voto
8.0
  • Band: DEEZ NUTS
  • Durata: 00:31:21
  • Disponibile dal: 01/04/2013
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: EMI

“You bout it, I’m bout’ it bout it!”.

Una Moretti da 66 a chi sa di cosa si parla, o a chi ha almeno sentito la hit di Master P del 1995. Di sicuro ne sa qualcosa JJ Peters, batterista degli I Killed The Prom Queen che, in seguito allo scioglimento del gruppo (2007) è passato al microfono e ha lanciato il suo progetto solista Deez Nuts (ancora: chi ha sentito “The Chronic” di Dr.Dre?) mostrando senza vergogna la sua passione viscerale per l’hip hop e per l’hardcore dei Madball. L’EP “Rep Your Hood” è talmente sfrontato da avere risonanza un po’ ovunque, con almeno tre delle sei canzoni che lo compongono ancora oggi fisse in scaletta. Il primo album “Stay True” (2008) li consacra definitivamente, tanto che anche in Italia il nome comincia a girare. “This One’s For You” non è di sicuro il loro disco migliore, ma c’è questo “Bout It” a dimostrare quanto valgano gli australiani. Messi in pausa i Grips N Tonic, side project strettamente hip hop con l’amico Louie Knuxx, JJ torna pienamente in carreggiata, tanto da meritarsi il passaporto ufficiale per l’Europa, offerto dal contratto Century Media: afferrate un gin tonic, il party hardcore dei Deez Nuts è contagioso e ha come imperativi divertimento e gang vocals, almeno quanto i ‘blunt’ e gli ‘shots’ citati nel secondo estratto. Una vera e propria bomba che torna sulle coordinate dei primi due lavori, segnati da un linguaggio direttissimo e sboccato, con pesanti influenze hip hop nell’inflessione, nei versi e nell’attitudine, mischiate senza vergogna con il New York hardcore più urbano di casa Madball (che figurano anche tra gli ospiti!). Non è il solito rapcore: Peters evita le buccie di banana del “white boy can’t jump” e si appropria del linguaggio e dei neologismi di un universo che conosce a menadito inserendoli nel contesto hardcore. Drogati, superficiali e immaturi, i Deez Nuts, schiacciando la concorrenza per ignoranza ed immediatezza, sono l’incubo più terrificante di ogni straight edge. Tolte le skit (frequenti interludi retaggio dell’universo hip hop) restano solo cori potentissimi, stages dive e high fives, come nessuno al mondo può offrire con lo stesso stile. Oggi JJ Peters ha lasciato i riformati I Killed The Prom Queen per i Deez Nuts, e questo spiega tutto. ‘Unfuckwithable’.

TRACKLIST

  1. Bout It
  2. Shot After Shot
  3. Not A Face in the Crowd
  4. Keep On
  5. Popular Demand
  6. Go Fuck Yourself
  7. Don't Act Like You Already Know
  8. What WE Eat Don't Make YOU Shit
  9. Call To Arms
  10. Streets Are Watching
  11. Public Service Announcement
  12. Unfuckwithable
  13. I.D.K.W.Y.T.Y.A.B.I.K.W.D.G.A.F.A.Y
  14. Life You Live
  15. True Colours
  16. Band of Brothers
3 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.