DEHUMANIZED – Beyond The Mind

Pubblicato il 02/02/2017 da
voto
6.5
  • Band: DEHUMANIZED
  • Durata: 00:39:08
  • Disponibile dal: 28/10/2016
  • Etichetta: Comatose Music
  • Distributore:

La travagliata carriera musicale dei Dehumanized giunge finalmente al ragguardevole traguardo del terzo full in oltre venti anni di esistenza, segnata in passato da numerosi scioglimenti ed altrettante reunion che ci consegnano oggi questo “Beyond The Mind”. Non sarà affatto difficile descrivere il genere ed il sound forgiato dai Nostri per questa nuova prova in studio, tanto più se siete già pratici dello stile a cui questi americani ci hanno abituato negli anni: siamo di fronte infatti ad un esempio perfettamente in linea con il death metal più squadrato e cadenzato possibile, di chiaro stampo newyorchese e descritto da molti come ‘slamming brutal metal’, nonostante, in realtà, siano presenti lungo la tracklist più di qualche episodio non direttamente collegabile alla pesantezza monodinamica dello slam. Potremmo in questo senso affermare, che la qualità più facilmente riscontrabile è certamente quella di non rendere eccessivamente pesante lo svolgimento delle canzoni infarcendone le partiture di soli breakdown e tempi ultra-lenti, ma esaltare invece questi momenti grazie a delle agili fughe in blast beat o in uptempos che si accostano sicuramente con più agilità alla parte propriamente ‘brutal’ del discorso e aumentano almeno parzialmente il ventaglio di soluzioni da cui poter attingere nel corso dei brani. “P.C.C.R.”, posta tra le prime lungo la tracklist, possiede ad esempio uno sviluppo non necessariamente sentito altre milioni di volte, mentre “Beyond The Mind” colleziona al suo interno alcuni dei clichè più ricorrenti per il genere, assemblati fortunatamente con la giusta malizia ed in una durata che impedisce alla noia di sopraggiungere funesta dopo poche battute. “Black Market 2099” rialza vistosamente il ritmo, mentre “One North” sprofonda nuovamente in un death metal forzatamente ritmato che finisce per diventare quasi innocuo prima del suo termine, evidenziando in definitiva il carattere ambivalente di questo disco: i Dehumanized dimostrano infatti di saper confezionare con capacità quasi didattica un prodotto assolutamente inquadrato all’interno dei canoni da loro stessi ideati e creati qualche decennio fa, ma peccano vistosamente in materia di originalità ed inventiva, finendo per assemblare in catena di montaggio gli elementi più peculiari di un certo modo di suonare death metal all’americana senza la giusta verve innovativa. Proprio il paragone con Dying Fetus e Suffocation, concittadini del combo newyorchese, mette in mostra le falle che i Dehumanized possiedono rispetto ai loro illustri colleghi, ancor più evidenti se si considera la poco prolifera continuità con cui si presentano alla pubblicazione di nuovo materiale. “Beyond The Mind” non è affatto un brutto lavoro, non possiede elementi negativi che ne inficino eccessivamente il risultato finale, ma allo stesso tempo, niente permette di distinguere l’ultimo lavoro dal precedente “Controlled Elite” o da innumerevoli uscite di settore di nuove realtà che invadono il mercato ogni giorno, lasciandosi quindi segnalare come un ennesimo, buon esempio di death metal americano ma, di fondo, niente più di questo.

TRACKLIST

  1. Worthless Propserity
  2. P.C.C.R.
  3. Beyond The Mind
  4. Black Market 2099
  5. Abyss Ambassador
  6. One North
  7. The First Immortal
  8. Last Words
  9. Drawn By Blood
  10. Telepathics
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.