DELAIN – We Are The Others

Pubblicato il 22/10/2012 da
voto
7.0
  • Band: DELAIN
  • Durata: 01:04:55
  • Disponibile dal: 01/06/2012
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Warner Bros

Li avevamo accolti compiaciuti in occasione del debutto di sei anni fa, impreziosito da illustri collaborazioni, ed avevamo confermato la buona impressione con il successivo “April Rain”, ed ora gli olandesi Delain sono arrivati al tanto agognato terzo album, che rappresenta un crocevia importante nella storia di una band. Dopo alcune traversie di mercato che ne hanno ritardato l’uscita, la Roadrunner pubblica finalmente “We Are The Others”, un lavoro symphonic gothic rock perfettamente in linea con i due precedenti, che ci intrattiene piacevolmente per la sua intera durata. Le influenze sono sempre individuabili nei conterranei After Forever, Within Temptation ed Epica, ma quello che hanno i Delain in più, a nostro avviso, è la voce interessante, riconoscibile, e soprattutto molto elegante di Charlotte Wessels, che nel suo piccolo si sta ritagliando il proprio spazio in un genere che si sta francamente inflazionando oltremodo. La melodia è la protagonista dell’intero platter, e la band è sempre attenta a non ‘appesantire’ eccessivamente la proposta con stratificazioni eccessive, al fine di ispessire e portare in primo piano le chitarre. Fanno capolino inoltre suoni elettronici di synth (per esempio nella affascinante e vagamente ‘pop ottantiana’ “Milk And Honey”) che ben si sposano con il lato sinfonico, da sempre caratteristico della band. “Hit Me With Your Best Shot” invece rappresenta il lato più pop della band (inizialmente avevamo sperato che si trattasse di una cover del brano di Pat Benatar, ma trattasi solo di omonimia) e, pur ravvisando una perizia compositiva invidiabile, non siamo coinvolti dal pezzo quanto avremmo voluto. Validissimo il brano “Where Is The Blood”, in cui la band si avvale della collaborazione con il cantante dei Fear Factory Burton C. Bell, anche se risulta molto (anzi troppo) vicino agli ultimi episodi dei nostrani Lacuna Coil. Una menzione a parte va fatta per la title track, dedicata (come del resto l’intero album) alla memoria di Sophie Lancaster, giovane appassionata di musica goth brutalmente aggredita nel 2007 da un gruppo di adolescenti in un parco del Lancashire e morta dopo tredici giorni di sofferenza in ospedale. Il pezzo riesce nell’arduo compito di evitare banalità e polemiche a livello lirico e a livello musicale colpisce decisamente nel segno. La qualità media si mantiene sufficiente, ad eccezione di pezzi più canonici come “Electricity”, “I Want You” e “Not Enough” che, pur possedendo una qualità superiore alla media, non rende giustizia allo sforzo rappresentato da questo “We Are The Others”. Un album di una band matura, che sta ancora crescendo, ma che siamo certi ci regalerà album sempre più completi.

TRACKLIST

  1. Mother Machine
  2. Electricity
  3. We Are The Others
  4. Milk And Honey
  5. Hit Me With Your Best Shot
  6. I Want You
  7. Where Is The Blood (feat. Burton C. Bell)
  8. Generation Me
  9. Babylon
  10. Are You Done With Me
  11. Get The Devil Out Of Me
  12. Not Enough
  13. The Gathering (Live)
  14. Control The Storm (Live)
  15. Shattered (Live)
  16. Sleepwalker's Dream (Live)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.