DENIED – … When the Slate Becomes Diamonds

Pubblicato il 25/02/2010 da
voto
7.0
  • Band: DENIED
  • Durata: 00:47:00
  • Disponibile dal: 27/06/2009
  • Etichetta: Apollon Records
  • Distributore:

A solo un anno dalla sua uscita nel 2008 per Painkiller Records, ci ha pensato la Apollon Records a ristampare l’album di debutto dei messinesi Denied. Scelta commerciale alquanto bizzarra dai motivi nebulosi, ma non è in dubbio la qualità del prodotto e, a quanto sembra, questo “…When the Slate Becomes Diamonds” ha lasciato un’ottima impressione al momento della sua uscita. La produzione è sufficientemente potente ed i Denied sono una valida band che riesce in maniera equilibrata a sviluppare un heavy metal d’impatto tenendo a bada le propulsioni verso lidi power metal. L’influenza dei grandi Iron Maiden si fa sentire sul gruppo nostrano soprattutto negli assoli di chitarra, come ad esempio in “Ride to the Land of the Machine Guns”, ma anche in “Denied”. Ci sono diversi brani che presentano un refrain d’impatto e d’effetto, come l’opener “When the Slate Becomes Diamonds” o la stessa “Ride to the Land of the Machine Guns”. Le basi heavy nei Denied sono ben radicate, con reminescenze persino dei Judas Priest come in “The Waste Remains and Kills”; qui la metrica del cantato sembra quella di “Breaking The Law”! Invece le influenze più power, derivanti in special modo anche qui da band della ‘vecchia guardia’ come i Gamma Ray, non si riversano in una semplice canzone, ma permeano tutta la release in genere, compreso il mood vagamente epico che viene instillato in questa release. Senza dubbio i Denied sono una band che può aspirare a molto di più, attendiamo il prossimo segnale da parte loro.

TRACKLIST

  1. The Dawn
  2. When the Slate Becomes Diamonds
  3. Denied
  4. The Waste Remains and Kills
  5. Ride to the Land of the Machine Guns
  6. Before Then After Later
  7. Horrorama
  8. Quest for Deliverance
  9. Circle of Fire
  10. Bearers of the Slate
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.