DEPRIVE – Temple Of The Lost Wisdom

Pubblicato il 13/10/2016 da
voto
7.0
  • Band: DEPRIVE
  • Durata: 00:43:47
  • Disponibile dal: 27/07/2016
  • Etichetta: Memento Mori
  • Distributore:

I Deprive sono una one man band spagnola, tenuta in piedi da tale Erun-Dagoth, ovvero Javier Sixto, polistrumentista e produttore spagnolo in grado di tenere in piedi una quantità di progetti paralleli impressionante. Basta guardare la sua discografia e le band in cui milita, o di cui ha fatto parte, per rendersi conto del fatto che stiamo parlando di un numero abbondantemente sopra alla doppia cifra. I Deprive sono un progetto in cui Javier si cimenta in un doom death metal molto, ma davvero molto old school. “Temple Of The Lost Wisdom” sembra un disco uscito nel 1992 e prende spunto sia da sonorità death metal davvero primitive, alla Morbid Angel o Immolation, mescolandole con un’atmosfera funebre e catastrofica, alla Incantation, traendo spunto da quanto di buono fatto da gruppi come Asphyx, Pestilence o Sinister. In aggiunta troviamo svariati interventi di matrice tipicamente gotica, quindi ecco che tra mid/downtempo rocciosi e lugubri fanno la loro apparizione interventi melodici letteralmente scippati talvolta dai primissimi Paradise Lost, altre volte da My Dying Bride o addirittura dagli Amorphis più primitivi. Insomma, i Deprive sono un vero toccasana per tutti i nostalgici di quegli anni e questo tipo di sonorità, dato che anche la produzione è adattissima e ben concepita: polverosa al punto giusto, cupa e tetra, con un suono di chitarre grezzo, sporco e volutamente poco definito. “Temple Of The Lost Wisdom” è un disco fatto, composto e concepito da un grandissimo fan e intenditore di questo tipo di proposta, ed è ovviamente a totale uso e consumo degli amanti di questo specifico genere che tuttavia, ne converranno, non avrà nulla da aggiungere a quanto di buono sia già stato detto dai tanti gruppi sopra menzionati, e anche da molti altri. Nel platter non troviamo dei veri e propri cali di tensione, tutto scivola via piacevolmente (e prevedibilmente), i brani in generale sono di buona fattura, formalmente ineccepibili. Troviamo fortunatamente anche qualche picco di qualità come “Gospel Of The Black Sun” o “Vortex Of Repulsion”, con queste feroci ripartenze ed intrecci melodici di chitarra di buonissima fattura. Un personaggio da tenere in considerazione questo iberico, un musicista esperto che ha idea di come maneggiare queste sonorità.

TRACKLIST

  1. Other Earth
  2. A Mournful Prophecy
  3. Vortex of Repulsion
  4. Doomed Tears of Humanity
  5. Hyperborean Serenades - The Elder Race Mystery
  6. Gospel of the Black Sun
  7. Temple of the Lost Wisdom
  8. Fall of Atlantis
  9. A Desperate Praise
  10. Incarnation of the Macabre
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.