DEREK SHERINIAN – Black Utopia

Pubblicato il 12/05/2003 da
voto
7.0
  • Band: DEREK SHERINIAN
  • Durata: 00:44:57
  • Disponibile dal: 12/05/2003
  • Etichetta: Inside Out
  • Distributore: Audioglobe

Pensate, a volte è proprio vero che il mondo gira al contrario! Cosa ci si potrebbe mai aspettare da un lavoro solista di Derek Sherinian, storico e talentuoso tastierista che ha militato e milita in formazioni del calibro di Kiss, Alice Cooper, ed in particolare Dream Theater e Planet X? La risposta più ovvia sarebbe un disco all’insegna delle tastiere e della tecnica, in cui il ruolo di protagonista non potrebbe essere affidato ad altri se non al buon Derek. Ebbene dimenticatevelo, “Black Utopia” è esattamente l’opposto: un album hard guitar oriented dove proprio le sei corde sono spesso e volentieri il personaggio principale di questo lavoro. D’altronde mostri sacri come Yngwie Malmsteen (che ovviamente, nei pezzi in cui compare, focalizza l’attenzione solo ed esclusivamente su di sé grazie alla quantità industriale di note che macina), Al DiMeola, Zakk Wylde e Steve Lukather non possono restare anonimi, il loro feeling e la loro capacità di creare soluzioni spettacolari si adattano al meglio sulle composizioni heavy ed oscure partorite dalla mente di Sherinian. Uno dei brani più diretti ed aggressivi è proprio “The Sons Of Anu”, episodio diviso in tre capitoli: i riff pesanti non eclissano il solismo delle tastiere e l’insolito duetto/duello fra lo svedese Malmsteen e DiMeola farà la gioià dei virtuosi più incalliti. Al contrario, la stupenda “Sweet Lament” rappresenta il “lentone” per eccellenza, feeling e tecnica uniti magistralmente creano un vortice di sensazioni che solo i veri grandi della musica possono concepire. Oltre a momenti “neoclassicheggianti” o strappalacrime, Derek Sherinian e Brian Tichy (co-autore dei brani, nonché batterista che vanta trascorsi insieme a Billy Idol, Foreigner e Ozzy Osbourne) vogliono rendere omaggio al ventennale della scomparsa di Randy Rhoads, e l’hard rock di “Nightmare Cinema” e “Black Utopia” sono un giusto tributo ad uno dei chitarristi più importanti della scena rock mondiale. Certo, chi non ama un’opera interamente strumentale potrebbe annoiarsi con questo “Black Utopia”, ma francamente non si riscontrano altri motivi per evitare l’acquisto di questo piccolo gioiello. E bravo Derek!

TRACKLIST

  1. The Fury
  2. The Sons Of Anu
  3. Nightmare Cinema
  4. Stony Days
  5. StarCycle
  6. Axis of Evil
  7. Gypsy Moth
  8. Sweet Lament
  9. Black Utopia
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.