DESASTER – The Arts Of Destruction

Pubblicato il 29/02/2012 da
voto
7.0
  • Band: DESASTER
  • Durata: 00:44:23
  • Disponibile dal: 27/02/2012
  • Etichetta: Metal Blade Records
  • Distributore: Audioglobe

La genuinità di un gruppo come i Desaster è assolutamente fuori discussione, così come, del resto, la sua credibilità. Oltre vent’anni di carriera, vissuti per lo più lontano dai grandi riflettori, fanno del quartetto tedesco un vero monumento alla perseveranza e all’amore per il metal. Non stiamo insomma parlando di un gruppo di ragazzini che giocano al revival e che ostentano borchie e militanza underground: i Desaster sono l’underground, almeno per quanto riguarda il circuito thrash e black metal europeo. “The Arts Of Destruction” ce li ripresenta a quasi cinque anni dal precedente “Satan’s Soldiers Syndicate” e non fa niente per deludere le aspettative dei fan: fascinazioni proto-black metal che si mescolano ad un amore mai nascosto per il thrash di primi Slayer e Destruction e ad atmosfere a tratti epicheggianti sono le caratteristiche principali dei Desaster praticamente da sempre e questa nuova opera su Metal Blade ce le ripresenta su tutta la linea. La tracklist, ispirata e lunga il necessario, comprende a grandi linee due formule piuttosto distinte: da un lato abbiamo episodi dove a prevalere è l’urgenza di esplorare territori estremi e “bastardi”, all’insegna di ritmiche forsennate, volgarità thrash e stop’n’go da headbanging; dall’altro, emerge la volontà di confezionare qualcosa di più subdolo e controllato, votato appunto a un incedere epico che rimanda ai vecchi Bathory. I bellissimi otto minuti di “Possessed And Defiled” ne sono un manifesto: la band frena di parecchio e regala un pezzo tanto riconoscibile quanto vitale per l’economia del lavoro, in termini di varietà. Insomma, metal estremo sulle cui spalle si adagia il mantello nero della vecchia scuola. Per molti sarà sempre e solo semplice emulazione, ma la densità di queste trame e la spontaneità con cui queste ultime vengono perpetrate difficilmente lasceranno indifferenti chi è in cerca di emozioni in questo preciso campo stilistico.

TRACKLIST

  1. Intro
  2. The Arts Of Destruction
  3. Lacerate With Hands OfDoom
  4. Splendour Of The Idols
  5. Phantom Funeral
  6. Queens Of Sodomy
  7. At Hell's Horizon
  8. Troops Of Heathens – Graves Of Saints
  9. Possessed And Defiled
  10. Beyond Your Grace
  11. Outro
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.