DESOLATED – The End

Pubblicato il 20/02/2016 da
voto
7.5
  • Band: DESOLATED
  • Durata: 00:24:39
  • Disponibile dal: 05/02/2016
  • Etichetta:
  • Beatdown Hardwear Records

Spotify:

Apple Music non ancora disponibile

Chi segue la scena hardcore beatdown avrà già sentito parlare dei Desolated: la formazione inglese è salita in cima alla classifica degli act più indaffarati della scena, tra tour senza sosta in Europa e Stati Uniti e una produzione incessante che, seguendo le esigenze di mercato, li vede sempre con qualcosa di nuovo da servire ai simpatizzanti. Come i King 810 la band è preceduta dalla cattiva reputazione di un pubblico violento e pericoloso, associato più volte al fenomeno del ‘crowd killing’, da cui gli stessi componenti non si scomodano troppo nel dissociarsi facendo aumentare esponenzialmente le chiacchiere nei loro confronti. Lasciando spazio alla musica “The End” parla da solo, imponendo nuovi standard per una formazione ad oggi confinata nell’underground che presenta il suo miglior lavoro di sempre. L’opener “The Beginning” è ampiamente rappresentativa, riportando agli standard odierni Biohazard, Hatebreed e Strife e trascinandoli nelle coordinate del beatdown, con la possanza e l’ignoranza che ne derivano. Senza il pesante filtro nu-metal/djent di molte produzioni recenti il sound violento e ribassato dei Desolated aumenta di realismo, facendo avvicinare l’ascoltatore a quel genuino senso di pericolosità che certi generi musicali dovrebbero trasmettere. Nessuna finezza nemmeno nel riffing di Neanderthal, pista per raggiungere le ennesime gang vocals e altrettanto spesso rallentato ed abissale per violentissime aperture mosh. I Desolated non inventano niente ma anche gli affezionati più fedeli alla scena potranno sbracciarsi davanti a pezzi come “Olanzepine” (delizioso il featuring di Larissa dei Venom Prison), che ridisegna il broncio a coordinate stilistiche abusatissime senza bisogno di inserti pretenziosi – da questo punto di vista che l’artwork di copertina sia un ripoff delle opere di John Dyer Baizley e che i testi delle canzoni seguano un concept sulla malattia mentale è totalmente fuorviante. Se i cori ad occhi sbarrati della title track e il break assassino a metà di “Relapse” sono vere e proprie chicche capaci di far perdere il controllo degli arti, a diversificare l’offerta arrivano le strumentali “Out Of Luck” e “Psychosis”, la prima lenta e sludgy, la seconda breve ed intensa. Nel minutaggio di un EP (unico vero difetto di questa pubblicazione) i Desolated si mangiano Malevolence, Brutality Will Prevail e gran parte della concorrenza internazionale, e il contestuale ingresso nel circuito Impericon ne segna definitivamente il salto di livello. “The End” lascia il sangue in bocca.

TRACKLIST

  1. The Beginning
  2. Numb
  3. Therapy
  4. Invasion
  5. Olanzapine
  6. Withdrawal
  7. The End
  8. Out Of Luck
  9. Relapse
  10. Psychosis
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.