DESTRAGE – A Means To No End

Pubblicato il 01/11/2016 da
voto
8.0
  • Band: DESTRAGE
  • Durata: 00:55:10
  • Disponibile dal: 10/21/2016
  • Etichetta: Metal Blade Records
  • Distributore: Audioglobe

Dopo l’esordio su Metal Blade e gli ottimi riscontri, di pubblico e di critica, ottenuti con il precedente “Are You Kidding Me? No.”, c’era grande curiosità intorno al quarto album dei Destrage, e possiamo dire fin da subito che, a dispetto della pressione e pur essendo abbastanza diverso dal suo predecessore, anche “A Means To No End” non tradisce le aspettative. Là dove AYKMN faceva dell’imprevidibilità e dell’aggressione ritmata il proprio marchio di fabbrica – al punto da meritarsi l’ingresso nel ristretto club del djent ‘n roll -, questo nuovo lavoro si muove su trame sempre e comunque eclettiche ma più ariose e, per certi versi, accessibili. Idealmente diviso in due parti – con la title track e il suo contrario poste idealmente all’inizio del lato A e B, a creare un predludio atmosferico – “A Means To No End” scala subito le marce con “Don’t Stare At The Edge”, primo singolo che, nel fungere da ideale punto di contatto con AYKMN, conferma l’abilità dei quattro strumentisti (il tentacolare Federico Paulovich, l’aracnidico Gabriel Pignata e l’imprevedibile coppia d’asce formata da Ralph Salati e Matteo Di Gioia), guidati dietro al microfono dal poliedrico Paolo Colavolpe. Se le tracce successive, tra cui evidenziamo “Symphony Of The Ego” e “The Flight”, si muovono sulla stessa lunghezza d’onda (al punto che immaginiamo gli spartiti dei pezzi vadano stampati in formato A0 per stare su una pagina), le sorprese come detto arrivano nella seconda metà della tracklist dove, non dovendo dimostrare più niente a nessuno dal punto di vista dell’estremismo sonoro, il quintetto meneghino si concede qualche digressione di melodia psichedelica prima con la sorpredente “Peacefully Lost” (perfetta rappresentazione sonora della copertina) e poi con la conclusiva “Abandon To Random”, introdotta dall’acustica “A Promise, A Debt”. Inutile dire che anche in questa inedita veste i risultati sono di gran lunga superiori alla media del genere (qualunque esso sia, vista la sfuggevolezza dei cinque ad ogni tipo di catalogazione), ma anche chi fosse rimasto legato all’attitudine più ‘cazzara’ dei Destrage avrà modo di divertirsi con tracce come “Blah Blah”, per tacere dell’intricata accessibilità di “To Be Tolerated”. Tirando le somme, se pur meno pirotecnico e più diretto del suo predecessore (superiore di un’incollatura per l’effetto sorpresa e la genialità della title-track), “A Means To No End” si conferma come l’ennesimo capolavoro di una band ormai eletta per acclamazione, data l’innata dote di far sembrare semplici le cose difficili e la bravura anche in sede live, come ideale portabandiera del modern metal made in Italy, e non solo. Per dirla all’inglese: Destrage, what a band!

TRACKLIST

  1. A Means To No End
  2. Don’t Stare At The Edge
  3. Symphony Of The Ego
  4. Silent Consent
  5. The Flight
  6. Dreamers
  7. Ending To A Means
  8. Peacefully Lost
  9. Not Everything Is Said
  10. To Be Tolerated
  11. Blah Blah
  12. A Promise, A Debt
  13. Abandon To Random
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.