DESTRUCTION – Metal Discharge

Pubblicato il 23/09/2003 da
voto
7.5
  • Band: DESTRUCTION
  • Durata:
  • Disponibile dal: 22/09/2003
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Audioglobe

Destruction di nuovo sugli scudi con questo nuovo “Metal Discharge” (titoli meno cafoni no, eh?), degno successore del bellissimo “The Antichrist” di un paio d’anni fa! In seguito alla reunion avvenuta nel 1999, la band non ha fatto altro che inanellare una serie di prestazioni live di altissimo spessore, producendo tre dischi in studio (oltre ai due citati anche il discreto “All Hell Breaks Loose”) e un live album per ora limitato al solo mercato giapponese. Il tutto celebrato da una schiera sempre più nutrita di fan adoranti. Sembra proprio che i Destruction siano tornati a ‘girare’ come ai tempi d’oro e, come dicevo, “Metal Discharge” non fa altro che confermare questa impressione visto che ci si trova davanti ad un altro platter di puro ed incontaminato thrash metal di qualità sopraffina. Si parlava di purezza, e questa volta lo si può fare anche di più che nel recente passato visto che le nuove composizioni non presentano quelle piccole intrusioni moderniste rintracciabili nei due lavori precedenti, ma sono bensì totalmente ortodosse e legate al trademark degli anni Ottanta. E’ forse anche merito della produzione, questa volta curata esclusivamente dalla band, che appare un poco più sporca del solito e vicina a quelle della succitata decade, ma anche per le strutture dei pezzi, che si rivelano più snelle, incisive e scevre di eccessivi fronzoli. Personalmente questo lieve ‘back to the roots’ non mi è affatto dispiaciuto soprattutto perché, se la quantità di riff in un singolo brano è diminuita, lo stesso non si può dire della qualità degli stessi che, fatta eccezione per quelli di “Fear Of The Moment” e “Mortal Remains” (un po’ scialbi), centrano sempre il bersaglio, a tal punto che sento di affermare che il trittico iniziale (“The Ravenous Beast”, la title track, “Rippin’ The Flesh Apart”) rappresenti uno dei punti più alti raggiunti dai Destruction in seguito alla reunion… e forse non solo. Nel complesso “The Antichrist” era a mio avviso più vario ed ispirato, ma questo “Metal Discharge” è comunque un album assolutamente da non sottovalutare, che con ogni probabilità non farà altro che consolidare ulteriormente la leadership di Schmier, Mike e del nuovo drummer Mark nel genere. Con i Destruction si va sempre sul sicuro, ormai questo è certo!

TRACKLIST

  1. The Ravenous Beast
  2. Metal Discharge
  3. Rippin' The Flesh Apart
  4. Fear Of The Moment
  5. Mortal Remains
  6. Desecrators Of The New Age
  7. Historical Force Feed
  8. Savage Symphony Of Terror
  9. Made To Be Broken
  10. Vendetta
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.