DEUS OTIOSUS – Murderer

Pubblicato il 24/01/2012 da
voto
7.0
  • Band: DEUS OTIOSUS
  • Durata: 00:41:15
  • Disponibile dal: 27/08/2010
  • Etichetta: F.D.A. Rekotz
  • Distributore:

La FDA Rekotz sta dando spazio ad una serie di gruppi interessanti, tra cui gli Entrails e  gli esordienti danesi Deus Otiosus, di cui parleremo adesso. Una nota nel materiale inviatoci specifica come il gruppo si attenga ai dettami “old school”: affermazione veritiera, essendo la loro musica un piacevole ibrido tra la scena death americana che fu (specie quella sezione più legata al thrash) e quella scandinava: se volete un riferimento stilistico, potete pensare agli Obliteration del primo album, specie per quanto riguarda “Whore Limbs”. I Deus Otiosus hanno discrete carte da giocarsi e lo fanno soprattutto in sede di songwriting, non originalissimo ma assai bilanciato in tutte le sue fasi: ogni canzone è un insieme fluido di uptempo, passaggi sparati, parti rocciose e istanti melodici, che possono emergere in un assolo, in un particolare riff o in qualche linea vocale come accade in “Ash World” (da sentire); è dunque improbabile annoiarsi durante l’ascolto, perché ogni ingrediente pare adoperato nel momento giusto e espresso con la necessaria (e mai trascurabile!) furia. Cosa, però, può distinguere questi ragazzi e renderli in qualche modo riconoscibili? In primis, diremmo l’andamento sbilenco dei riff, semplici nella successione di note che li genera ma efficaci nel carattere, come possono illustrarvi “Ye Pigs Of Little Faith” e “No Life” (che in qualche modo, e con le dovute proporzioni, fonde le atmosfere di “Left Hand Path” e “Altars Of Madness”); in secundis parleremmo del lavoro ritmico: in particolare il batterista, pur non facendo particolare sfoggio di tecnica, pare assennato e presente, grazie ad un tocco particolarmente greve. In chiusura troviamo il pezzo “Murderer”, che colpisce per la sua attitudine rock’n’roll. In definitiva, dunque, un bel debutto da parte dei Deus Otiosus che aspettiamo di ritrovare per ulteriori (e gradite) conferme.

TRACKLIST

  1. I Have Seen Him Slay
  2. Thousand Arms of the Dead
  3. Wall of Violence
  4. Ye Pigs of Little Faith
  5. Whore Limbs
  6. No Life
  7. Ash World
  8. Murderer
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.