DEVIATE DAMAEN – Religious As Our Method

Pubblicato il 08/06/2008 da
voto
4.5
  • Band: DEVIATE DAMAEN
  • Durata: 00:52:52
  • Disponibile dal: //2008
  • Etichetta:
  • Distributore:

Streaming:

“Religious As Our Method” non è il nuovo lavoro dei romani Deviate Damaen, bensì la riedizione del primo album della band. L’occasione per la ristampa è data dal decennale dell’uscita originale. Per coloro i quali non conoscessero il gruppo, giova dire che i ragazzi propongono una sorta di miscuglio di gothic, rock, elettro e black metal che risulta abbastanza pacchiano ed inconcludente. Oltretutto nel lavoro che stiamo recensendo l’aspetto lirico è assolutamente preponderante rispetto a quello musicale, tant’è che ad esempio i primi otto minuti di “Nec Sacrilegium, Incesti Gratia” sono completamente parlati e rappresentano una confessione di un giovane incestuoso. La band ci tiene a far sapere che la confessione in questione è reale ed è stata realizzata inviando l’attore David Gallarello opportunamente microfonato all’interno di un vero confessionale…a noi pare tutto fin troppo melodrammatico e stentoreo per sembrare reale, ma comunque ci rimettiamo alla buona fede dei Deviate Damaen. Passando alla musica vera e propria, notiamo come i romani utilizzino due differenti modus operandi: alcune tracce sono estremamente semplici e lineari, come la nuova “No More”, dall’andatura quasi sculettante e ruffiana; altri brani sono maggiormente complessi ed elaborati e la componente elettro-dark diventa preponderante. Il comune denominatore però è una pochezza di idee che viene nascosta dietro arrangiamenti pomposi che tentano di buttare più cose possibili all’interno delle composizioni; il risultato finale quindi suona piuttosto finto e plasticoso e gli sforzi della band di risultare originale vanno ad infrangersi contro una capacità di scrittura scadente. Tecnicamente sono da segnalare gli assoli chitarristici molto ottantiani che, sebbene piuttosto semplici, risultano decisamente efficaci. Peccato che però facciano a pugni con tutto il resto. In definitiva non vedevamo il motivo per ristampare “Religious As Our Method”, che per quanto ci riguarda finirà presto nel dimenticatoio.

TRACKLIST

  1. No More
  2. Nec Sacrilegium, Incesti Gratia!
  3. Lyturgical Obsession
  4. Under The Elation's Drape ( Of My Nobility )
  5. I Want Hate!
  6. White Venus
  7. Un Mondo Senza Stelle
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.