DEVICE – Device

Pubblicato il 11/04/2013 da
voto
6.5
  • Band: DEVICE
  • Durata: 00:40:24
  • Disponibile dal: 09/04/2013
  • Etichetta: Warner Bros
  • Distributore: Warner Bros

Pensavamo che la lunga pausa dei Disturbed fosse dovuta alle turbe sentimentali di David Draiman, desideroso di dedicarsi alla sua nuova compagna, la modella e wrestler Lena Yada. Convolati a nozze, però, David ha annunciato un nuovo progetto musicale, nel quale sfogare la sua vena più industrial, nelle coordinate del sound Anni ’90 di Ministry e Nine Inch Nails… almeno nei suoi intenti. Ascoltando “Device”, infatti, si capisce come il vocalist non si sia allontanato troppo dalla band madre, andando a replicare lo sterile percorso solista di Wayne Static (Static-X). I numerosi fan accetteranno di buon grado un album dove il vocalist canta e basta, con le linee melodiche di “Indestructible” e “Asylum” mischiate al groove di “The Sickness”, grazie al cielo senza i versi scimmieschi di quest’ultimo. Apprezzeranno anche l’ottimo lavoro di Geno Lenardo (Filter), che trattiene i brani in territori heavy ed oscuri,  con godibili intromissioni della macchine programmate con sapienza da entrambi i titolari. Se parliamo del momento storico? Ai tempi in cui i Disturbed venivano considerati nu metal il progetto poteva essere anche considerato interessante, ma oggi, anche con la produzione incredibile di cui gode la raccolta, il risultato ha un sapore strano, tra il sintetico e l’inadatto. Uno dei plus a cui ha accesso Draiman poi, al posto di migliorare i brani, riesce addirittura a peggiorarli: parliamo dei featuring del disco, tanto eccellenti su carta quanto deludenti su disco… Serj Tankian, Gleen Huges, M.Shadows e Tom Morello sono sostanzialmente sprecati, inseriti a forza in territorio ostile. Geezer Butler (se c’è) non si sente più di tanto. Lzzy Hale risplende nelle parti di Lita Ford, ma la cover di “Close My Eyes Forever” non è tradotta in linguaggio industrial, e probabilmente non è traducibile, quindi resta una ballad dal sapore ottantiano sostanzialmente fuori luogo. Se vi piace la Coca Cola Light…

TRACKLIST

  1. You Think You Know
  2. Penance
  3. Vilify
  4. Close My Eyes Forever
  5. Out of Line
  6. Hunted
  7. Opinion
  8. War of Lies
  9. Haze
  10. Through It All
2 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.