DEVICE – The Birth

Pubblicato il 30/12/2011 da
voto
6.0
  • Band: DEVICE
  • Durata: 00:33:36
  • Disponibile dal: 19/12/2011
  • Etichetta:
  • Distributore:

AAA etichetta cercansi – Band metalcore romana di recente formazione cerca label interessata alla pubblicazione primo album: offresi massima serietà, originalità e impegno, astenersi perditempo. Suonerebbe più o meno così, su un’ipotetica Secondamano metallica, l’annuncio dei Device, band capitolina nata nel 2010 e il cui primo vagito, non a caso chiamato “The Birth”, attende il supporto di un’etichetta per vedere ufficialmente la luce. Non che nel 2012 ci sia ancora  bisogno di un contratto per poter raggiungere il grande pubblico – e infatti il disco sarà reso disponibile per il download gratuito – ma l’opera prima del quintetto romano ha tutte le carte in regola, originalità a parte, per non sfigurare rispetto alla media del genere. Alla stregua di quasi tutti i gruppi emersi dall’ultima vendemmia metalcore, anche in questo caso il principale termine di paragone resta quello di Oliver Sykes e dei suoi Bring Me The Horizon (cfr. gli stop ‘n go di “It Ends Tonight”, il cantato di “Me & You” o l’incipit di “Clockwork Apple”), anche se un’eventuale prova del palloncino sarebbe in grado di rilevare evidenti tracce di rock ‘n roll nello stile dei Blessed By A Broken Heart (“The World Belong To Us For A Season”) e un gusto per la contaminazione elettronica ben sintetizzato, più che nella fin troppo convulsa “Velociraptor Dance”, dalla divertente cover di “Freestyler”, posta in chiusura come bonus track. Sebbene non esente da difetti – oltre alla scarsa personalità, da menzionare anche la breve durata del platter e una produzione non all’altezza degli standard del genere – “The Birth” merita un ascolto e almeno qualche MB di spazio da parte degli estimatori del genere.

TRACKLIST

  1. The Place
  2. It Ends Tonight
  3. Slaves Of Freedom
  4. Me & You
  5. The World Belong To Us For A Season
  6. Interlude
  7. Clockwork Apple
  8. Velociraptor Dance
  9. Betrayer
  10. Freestyler (bonus track)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.