DEVIL SOLD HIS SOUL – Blessed & Cursed

Pubblicato il 12/07/2010 da
voto
7.0
  • Band: DEVIL SOLD HIS SOUL
  • Durata: 01:00:00
  • Disponibile dal: 12/07/2010
  • Etichetta:
  • Century Media Records
  • Distributore: EMI

Spotify:

Apple Music:

Molti gruppi della scena post/metal-core britannica, si sa, finiscono per assomigliarsi nei suoni e nello stile, essenzialmente perché, gira e rigira, le influenze e i produttori coinvolti sono sempre gli stessi. Una eccezione abbastanza notevole a questa regola è costituita dai Devil Sold His Soul, gruppo che si muove su lidi maggiormente atmosferici e che nel corso di pochi anni ha elaborato un sound tutto sommato personale. I nostri, all’esordio su Century Media con questo "Blessed & Cursed", si districano infatti tra aggressività e melodia sfruttando il più possibile le potenzialità espressive di tastiere e sample, andando a disegnare paesaggi eterei che – nel loro essere sì elaborati, ma mai troppo cervellotici – devono tanto ai Cult Of Luna più accessibili (con i quali sono stati in tour pochi anni fa) quanto agli ultimi Underoath. Le tracce sono spesso lunghe e ricche di sezioni diverse, ciò nonostante il comune denominatore è quasi sempre la melodia, che regna sovrana sia nel lavoro del tastierista Paul Kitney – a tratti "subliminale", tuttavia spesso più incisivo di quello chitarristico – che in buona parte delle linee vocali del frontman Ed Gibbs, che utilizza il pulito con frequenza. Proprio quest’ultimo è però forse uno degli aspetti meno esaltanti della proposta dei Devil Sold His Soul: il suo timbro infatti è a volte un po’ troppo di matrice screamo/emo, quasi infantile in certi frangenti, e ciò stona un po’ con alcune delle trame strumentali, le quali risultano anche molto ricercate, andando qua e là a pescare riferimenti post rock e ambient. Nel complesso, comunque, il risultato finale è degno di interesse, soprattutto perchè ci presenta una band che sta cercando di proporre qualcosa di particolare e di un certo spessore. Come accennato, non tutti gli sforzi per ora convincono (vedi anche certe lungaggini nella seconda parte della tracklist), ma episodi epici come "Drowning/Sinking" e "An Ocean Of Lights" rivelano idee e potenziali nuove possibilità espressive che non vanno affatto sottovalutate.

TRACKLIST

  1. Tides
  2. Drowning/Sinking
  3. Callous Heart
  4. An Ocean of Lights
  5. Frozen
  6. The Disappointment
  7. Crane Lake
  8. A Foreboding Sky
  9. The Weight of Faith
  10. Truth Has Come
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.