DEVIOUS – Domain

Pubblicato il 14/04/2008 da
voto
5.5
  • Band: DEVIOUS
  • Durata: 00:43:00
  • Disponibile dal: //2008
  • Etichetta: Deity Down Records
  • Distributore: Andromeda

Una volta terminato l’ascolto del secondo album dei Devious, la prima cosa a cui si pensa è, purtroppo, che l’Olanda in campo metal ci abbia sicuramente offerto di meglio di questo “Domain”. Definiti una thrash-death metal band, i Devious propongono in realtà un extreme metal dalle molteplici sfaccettature… anche se poche di queste ultime risultano davvero efficaci. C’è sicuramente tanto thrash-death metal nel sound del quintetto, ma anche delle velate influenze black (sinfonico e non), così come accenni melodic death scandinavi e techno-death… questi ultimi rintracciabili in certe sezioni in doppia cassa che ricordano le opere di metà carriera dei Death. Tanta carne al fuoco, dunque… a volte ben amalgamata, altre meno, con il risultato che la tracklist appare alla lunga un po’ forzata e poco coerente. Di certo, chi ha a cuore i mostri sacri del thrash-death europeo (o anche nomi minori come Dew-Scented, Deathchain e Impious) troverà comunque alcuni spunti interessanti nel disco. Tra l’altro, anche il sottoscritto deve ammettere di non aver affatto storto il naso all’ascolto di pezzi come “Room 302” o di “Misanthropic Entities”. Tuttavia, nel complesso non sono molte le tracce a risultare realmente ispirate e coinvolgenti. Quelle maggiormente tirate e ruvide non dispiacciono, mentre quelle più lunghe ed elaborate presentano un minestrone di riff di vario genere (tra l’altro poco brillanti) e di tastiere che lascia alquanto a desiderare. Si apprezza il desiderio della band di proporre un sound che eviti di affidarsi a un singolo schema, ma tante volte è meglio puntare tutto sulla violenza se non si è in grado di marchiare le varie composizioni con un minimo di tocco personale.

TRACKLIST

  1. Entrance...
  2. Room 302
  3. Incantation of the Earthbound
  4. Boundless Domain
  5. Misanthropic Entities
  6. Suoived Pt.II
  7. The Repentance
  8. Third World Suicide
  9. Days of Disorder
  10. Dead Cannibal Civilization
  11. Shibito
  12. Lowest in the Foodchain
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.