DEW-SCENTED – Icarus

Pubblicato il 31/07/2012 da
voto
6.5
  • Band: DEW-SCENTED
  • Durata: 00:43:04
  • Disponibile dal: 30/07/2012
  • Etichetta: Metal Blade Records
  • Distributore: Sony

Pazienza e perseveranza sono sicuramente due delle qualità principali di Leif Jensen, frontman e leader dei thrasher Dew-Scented sin dal lontano 1992. Pur ottenendo risultati complessivamente abbastanza modesti e dovendo fare i conti a cadenze regolari con vari cambi di lineup, il cantante tedesco è riuscito a portare avanti il suo progetto con invidiabile costanza, tanto che quest’anno viene appunto festeggiato il ventennale della sua fondazione. Per l’occasione, i Dew-Scented – oggi composti da Jensen e da una lineup tutta olandese con ex e attuali membri di Severe Torture, Blo.Torch, Sinister ed Epica – danno alle stampe “Icarus”, ennesimo album che, a livello stilistico, si rivela tutto sommato la fotocopia dei precedenti, ma che, sul fronte del songwriting, riesce ad assestarsi su standard dignitosi (se non vincenti, a tratti). Come buona parte dei precedenti capitoli discografici della band, “Icarus” presenta tracce buone e meno buone: l’opera regala apprezzabili scariche di adrenalina quando il riffing di chitarra si fa particolarmente affilato e quando Jensen riesce a trovare il ritornello ficcante al punto giusto, mentre lascia un po’ indifferenti in quei casi in cui la formula thrash-death cara alla formazione si impantana in rimandi sin troppo dozzinali ai soliti Slayer. Rispetto al recente passato, l’operato dei Dew-Scented risulta comunque più brillante: la nuova lineup appare ben affiatata e si respira un’aria euforica tra i solchi del platter, soprattutto all’altezza di brani arrembanti come “Storm Within” o “The Fall Of Man”. Delle fugaci strizzate d’occhio a un “Heartwork” o a uno “Slaughter Of The Soul” rendono poi certe tracce più variegate o, perlomeno, riescono ad allontanare un minimo lo spettro di Kerry King e soci, sempre presente non appena il guitar-work prende una piega old school e lineare. Dopo vent’anni di carriera e nove full-length fedeli alla linea, sarebbe una follia pretendere dai Dew-Scented uno scatto di personalità e brio proprio ora: “Icarus” prosegue per la strada tracciata nel corso di questi due decenni, senza guardarsi attorno. Il passo dei Nostri questa volta è però un po’ più dinamico del solito e forse ciò inviterà qualche vecchio fan in più a seguirne le orme.

TRACKLIST

  1. Hubris
  2. Sworn To Obey
  3. Thrown To The Lions
  4. Storm Within
  5. Gleaming Like Silver
  6. By My Own Hand
  7. The Fall Of Man
  8. Reawakening
  9. Destined To Collapse
  10. A Final Procession
  11. Perpetuated
3 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.