DGM – Different Shapes

Pubblicato il 05/06/2007 da
voto
8.0
  • Band: DGM
  • Durata: 00:52:26
  • Disponibile dal: 04/06/2007
  • Etichetta: Scarlet Records
  • Distributore: Audioglobe

Sono una delle priorità della Scarlet Records, e questo può già essere visto come una garanzia. Si apprestano a pubblicare un album di power prog con tutte le carte in regola per sfondare finalmente nel mercato. Sono i DGM, la band capitolina capitanata dal cantante-batterista Titta Tani, una band che fino ad ora ha sempre raccolto meno della metà di quanto ha seminato. Ora invece l’aria tira decisamente verso la consacrazione, non ci sono dubbi. L’innesto di Simone Mularoni alla chitarra ha giovato non poco al sound di “Different Shapes”, sempre più lontano dal progressive hard rock che aveva contraddistinto i primi lavori della band. Qui finalmente la band ha preso il dovuto coraggio, rivolgendosi senza pudori su sonorità più moderne, vicine a Symphony X, Angra e Dream Theater. La voce di Titta Tani, specialmente nelle stupende “New Life”, “Unkept Promises” e “Frontiers” è soprendentemente simile alla particolare voce di Edu Falaschi, la semi-nuova ugola in seno agli Angra. I dieci pezzi che vanno a comporre questo fantastico mosaico prog si susseguono con una certa continuità, senza mai mollare l’ascoltatore, che si trova inevitabilmente coinvolto fino all’ultima nota. Dopo l’assalto frontale del trittico iniziale e la parziale redenzione operata dalla più hard rock-oriented “Unkept Promises”, è “The Fallen Angel” la vera perla dell’album, posizionata a metà tracklist proprio per la sua funzione decompressiva, importante in un lavoro heavy come questo. Una emozionante intro di piano, abile nell’arduo intento di non suonare troppo italiana (qualcuno ha detto Skylark?) ci introduce alla strofa di questa semi-ballad, interpretata in modo sufficientemente espressivo dal cantante, prima di abbandonarci in un mare fatto di fantastici assoli del bravo Simone, per sfociare infine in un crescendo di emozioni. Con “Peace Of Mind” si ricomincia a pestare sull’acceleratore, ed i riff si fanno più vicini ai Testament che non ai Dream Theater. Nella seconda metà dell’album si fanno largo la speed metal song “Close To You”, dove la voce arriva a toccare addirittura i picchi espressivi di sua maestà Russell Allen. Chiude il tutto la più canonica “A Man I’ll Never Be”, il pezzo più vicino ai vecchi e cari Dream Theater. Forse un colpo ad effetto, per lasciarci con un pezzo meno coraggioso ma più d’appeal. Ragazzi, state tranquilli, non vi servono trucchetti e magheggi. Siete finalmente giunti all’album della vostra consacrazione, e vi meritate una considerazione particolare da parte della scena prog e metal, che volente o nolente dovrà trovarsi a fare i conti con “Different Shapes”, un album stupendamente prodotto, ben scritto e ben suonato. Date fiducia ai nostri DGM, e avrete solo da guadagnarci.

TRACKLIST

  1. New Life
  2. The Alliance
  3. Some Day, One Day
  4. Unkept Promises
  5. The Fallen Angel
  6. Peace Of Mind
  7. Frontiers
  8. Signs Of Time
  9. Close To You
  10. A Man I'll Never Be
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.