DGM – Passing Stages: Live In Milan And Atlanta

Pubblicato il 06/06/2017 da
voto
7.5
  • Band: DGM
  • Durata: 02:04:19
  • Disponibile dal: 02/06/2017
  • Etichetta: Frontiers
  • Distributore: Frontiers

Non c’è ombra di dubbio sul fatto che i DGM siano ormai una realtà ben affermata non solo nel panorama italiano, ma pure in quello internazionale. Quale momento migliore, dunque, dopo l’uscita di “The Passage” (2016), per realizzare un bel ritratto della famiglia composta da Fabio Costantino (batteria), Andrea Arcangeli (basso), Simone Mularoni (chitarra), Emanuele Casali (tastiera) e Mark Basile (voce)? Il risultato si vede in “Passing Stages: Live In Milan And Atlanta”, primo live dei nostri eroi romani, che si compone di una lussuosa edizione doppio CD contenente il concerto eseguito al Frontiers Metal Festival 2016 al Live Club di Trezzo e quello invece tenutosi ad Atlanta, al ProgPower Festival 2014, più un DVD che raccoglie entrambi gli show. Due momenti differenti per raccontare una band nel pieno della sua vena compositiva e della sua carica esplosiva: il primo disco si incentra sulle ultime due prove in studio, in particolare sui pezzi di “The Passage”, proponendo una bellissima scaletta che farà felici tutti i fan di nuova acquisizione. L’energia che i nostri riescono a mettere nel suonare dal vivo pezzi come “Animal”, “Daydreamer”, “Fallen”, “Ghost of Insanity”, infatti, è davvero esplosiva: non c’è una sbavatura in quello che viene eseguito, ma solo virtuosismo e carica. Mark è veramente un ottimo frontman e lo dimostra imbeccando più volte il pubblico (è divertente, peraltro, sentire una volta tanto un live dove si parla in italiano!) e ringraziando continuamente i suoi compagni d’avventura. In particolare la decisione in fase di mixing deve essere stata quella di dare maggiore risalto al basso come colonna sonora portante dell’andamento del live, garantendo davvero molto spazio ad Andrea Arcangeli, micidiale dal vivo quanto in studio. C’è da dire che “The Passage” viene proposto quasi nella sua interezza, inframezzandone i pezzi da alcuni di quelli del bellissimo “Momentum”, ma ciò non vi scontenterà se siete andati a sentire recentemente la band e ve ne siete innamorati, specialmente perché proprio in sede live non tutto è perfetto e, se possibile, qualche assolo o brevissima improvvisazione migliora un lavoro eccellente già di per sé. Passando al secondo disco ovviamente la qualità non cala, anzi: la scaletta che comprende i pezzi di “FrAme” del 2009 e di “Momentum” del 2013 permette alla band di proporre un ennesimo concerto divertente e variegato. Zero spazio viene dato al vecchio corso della band, quello conclusosi con “Different Shapes” del 2007; quasi una scelta di liberarsi da un passato in cui i Nostri non si rispecchiavano più. Nonostante questo l’energia che il gruppo mette nel calcare il palco traspare dalle casse dell’impianto stereo: i DGM sono una gioia per le orecchie e in moltissimi casi si finisce per alzare il volume. I pezzi dei due album in studio combinati in un live sono semplicemente una cannonata: i bellissimi assoli di tastiera del buon Casali si inframezzano perfettamente con la durezza del riffing e degli assoli di Mularoni, restituendoci la foto di una coppia di musicisti in stato di grazia e equilibrio perfetto, quando, generalmente, tastiera e chitarra sono sempre state due feroci combattenti (chi ha parlato dei cari vecchi Deep Purple?). Uno dei momenti sicuramente migliori del secondo cd è “Repay”, dove l’atmosfera da ballad lascia trasparire l’ormai perfetto feeling che intercorre tra i vari elementi della band, per non parlare della sentitissima esecuzione di “Trust” e “Chaos”, due momenti veramente topici del concerto. La rivoluzione giocatasi in casa DGM con la permanenza di Costantino dietro le pelli trova compiutezza e conferma, dunque, in quest’ottima prova incisa dal vivo. Se sia una consacrazione non ci è ancora dato saperlo: sappiamo solo che i DGM in questo momento rappresentano un’eccellenza italiana all’estero e sicuramente una band che ogni progster italiano che si rispetti doverebbe conoscere e sostenere.

TRACKLIST

  1. The Secret Part. 1(CD1)
  2. The Secret Part. 2(CD1)
  3. Animal(CD1)
  4. The Passage(CD1)
  5. Reason(CD1)
  6. Daydreamer(CD1)
  7. Disguise(CD1)
  8. Fallen(CD1)
  9. Ghost Of Insanity(CD1)
  10. Hereafter(CD1)
  11. Void(CD2)
  12. Reason(CD2)
  13. No Looking Back(CD2)
  14. Universe(CD2)
  15. Numb(CD2)
  16. In A Movie(CD2)
  17. Repay(CD2)
  18. Heartache(CD2)
  19. Enhancement(CD2)
  20. Chaos(CD2)
  21. Trust(CD2)
  22. Brand New Blood(CD2)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.