DIABULUS IN MUSICA – Dirge For The Archons

Pubblicato il 17/11/2016 da
voto
7.5
  • Band: DIABULUS IN MUSICA
  • Durata: 00:53:54
  • Disponibile dal: 11/11/2016
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Finalmente ci sono arrivati i Diabulus In Musica a realizzare il grande disco. Partiti in sordina tra le seconde linee del metal sinfonico con una coppia di album assolutamente insoddisfacenti quali “Secrets” e “The Wanderer”, avevano già alzato la testa con “Argia” nel 2014, lavoro assolutamente dignitoso ma non molto di più, e con questo “Dirge For The Archons” finalmente raggiungono il grande risultato. Una ricerca musicale seria alla base di questo nuovo disco c’è e si sente, visto quanto è migliorato il songwriting rispetto all’album precedente, anche se la ricetta di base non è mutata radicalmente; c’è un motivo infatti per il quale la band di Pamplona è definita come ‘gli Epica di Spagna’, ed è la grandissima somiglianza tra il sound della band guidata da Mark Jansen e quella della graziosa Zuberoa Aznarez, ma questo Epica-style oggi è solo d’apparenza, la punta di un iceberg. Quello che manca agli Epica veri è una solida proposta elettronica all’interno della propria musica, ed una doppia anima orientata al death metal vero e proprio, elemento, questo, che Simone e soci tengono sempre troppo a bada, contrariamente agli iberici. Un songwriting migliorato si diceva, ed ecco il frutto di questo miglioramento, undici tracce più due intro, dannatamente vincenti. “Dirge For The Archons” parte in maniera dirompente, con l’esplosione iniziale di “Eartly Illusons”, veloce, violenta davvero e fortemente orientata al death metal melodico svedese, per passare all’elettro catchy “Marble Embrace”, tamarra, danzereccia e modernista, ed al midtempo arioso ed etereo “Invisible”; “Crimson Gale” potrebbe essere un brano di apertura degli Epica, veloce, potente e snello ed affidato al grande carisma della cantante, e precede uno dei brani più caratterizzanti e riusciti dell’album, “Ring Around Dark Fairies Corousel”, che ricorda tanto “Anteroom Of Death” di Tarja, soprattutto nel cantato di Zuberoa. L’impalpabile ed evanescente “A Speck In The Universe” colpisce e seduce prima della drammatica e struggente “Hiding From You” e della sontuosa “The Voice Of Your Dreams”. Il finale ci presenta la folk-oriented “Bane” e la solenne “The River Of Loss”, con la perla “Zauria” cantata nella lingua madre. Strumentalmente nulla da eccepire, e la produzione è grandiosa davvero. Grandissima si conferma la cantante, versatile e capace di cambiare registro e stile per adeguarsi al meglio ai brani, e notevoli le orchestrazioni e gli inserti elettronici, sempre però al servizio del brano e mai eccessivi. I Diabulus In Musica sono cresciuti, sono maturi e sono pronti per giocarsi la serie A del symphonic metal.

TRACKLIST

  1. Battle Of Atlantis
  2. Earthly Illusions
  3. Marble Embrace
  4. Invisible
  5. Crimson Gale
  6. Ring Around Dark Fairies Carousel
  7. A Speck In The Universe
  8. Hiding From You
  9. Voice Of Your Dreams
  10. Hawk's Lament
  11. Bane
  12. River Of Loss
  13. Zauria
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.