DIAMOND PLATE – Generation Why?

Pubblicato il 06/09/2011 da
voto
6.0
  • Band: DIAMOND PLATE
  • Durata: 00:53:44
  • Disponibile dal: 09/08/2011
  • Etichetta:
  • Earache
  • Distributore: Self

Spotify:

Apple Music:

Arriva dagli Stati Uniti e precisamente da Worth nell’Illinois l’ennesima giovane thrash metal band intenta, come molte altre, a rievocare il glorioso passato di questa branca del metal. Attivi dal 2004 e con alle spalle i due EP “Mountains Of Madness” e “Relativity”, i Diamond Plate compiono il passo decisivo del debutto ufficiale su Earache Records con il qui presente “Generation Why?”. Il sound del gruppo è un thrash abbastanza classico, figlio dei soliti Metallica dei primi quattro album, Exodus, Testament degli anni ’80, più un taglio melodico alla Artillery e sfuriate invece riconducibili ai Destruction più aggressivi. Tutto ruota attorno alla bravura del chitarrista Konrad Kupiec, appena ventenne ma assolutamente ispirato, anche più di quanto lo siano attualmente molti dei suoi più illustri ispiratori, sia come riffing che come assoli e gusto per la melodia. È lui, supportato da una sezione ritmica molto ben preparata, a dare un ottimo tiro a pezzi come la titletrack o “Pull The Trigger”, brani thrash metal discretamente tecnici, variegati nei cambi di tempo e riff. La parte strumentale di queste composizioni non faticherà dunque a piacere a chi apprezza le band sopra indicate. La parte strumentale, appunto, perchè il vero limite dei Diamond Plate è nella voce del cantante bassista Jon Macak, tanto convincente al basso, come dimostrato anche dal suo solismo sulla lunga “Empire Tomorrow”, quanto estremamente monocorde come prestazione al microfono. Va detto che le linee vocali stesse dei brani non sono il forte della band, ma il taglio quasi hardcore di Jon appare poco adatto ad un contesto in cui la struttura dei brani è giocata in certi casi su dinamismo tra parti tirate e altre più lente o addirittura su pezzi in cui viene dato molto spazio alle melodie come “Tomb With A View” o il successivo mid-tempo già di per sè piuttosto anonimo “Fool’s Paradise”. La monotonia del cantato finisce purtroppo per vanificare la varietà delle composizioni e stanca dopo pochi minuti, fatto che rende difficile ricordare anche un solo pezzo dopo più ascolti. Meno evidente il difetto solo sui brani più veloci e dove troviamo ritonelli costituiti da brevi e semplici cori come nel caso di “Mountains Of Death”. I suoni molto ben curati da Neil Kernon non bastano per sollevare la valutazione complessiva di “Generation Why?” sopra una risicata sufficienza, raggiunta solo grazie alle sopra menzionate ottime qualità espresse dalla componente strumentale.

TRACKLIST

  1. Entertainment Today
  2. Generation Why?
  3. Pull the Trigger
  4. Tomb With a View
  5. Fool's Paradise
  6. Relativity
  7. Waste of Life
  8. Casualty of War
  9. More Than Words
  10. At the Mountains of Madness
  11. Empire Tomorrow
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.