DIAMOND PLATE – Pulse

Pubblicato il 08/09/2013 da
voto
5.5
  • Band: DIAMOND PLATE
  • Durata: 00:42:27
  • Disponibile dal: 19/08/2013
  • Etichetta:
  • Earache
  • Distributore: Self

Spotify:

Apple Music:

Due anni fa vi avevamo parlato senza troppo entusiasmo di “Generation Why?”, l’album di debutto degli americani Diamond Plate. Si trattava di una new entry nel folto panorama delle giovani thrash metal band derivative del glorioso passato della Bay Area e il loro primo disco aveva messo in evidenza una componente strumentale piú che discreta. A pesare su tutto erano però delle linee vocali insipide e interpretate dall’allora frontman Jon Macak in modo piatto e uniforme. Con il recente cambio di bassista e cantante, ruoli ora ricoperti da Matt Ares, ci si aspettava quindi quella spinta in più dal punto di vista canoro che avrebbe allineato la qualitá delle vocals a quella a quella delle parti strumentali. Invece, purtroppo, il nuovo “Pulse” presenta il medesimo problema. Se da un lato abbiamo partiture ispirate sotto il profilo di riff e ritmiche, dall’altro ritroviamo nuovamente strofe poco incisive e ritornelli anonimi che non permettono ai brani di convincere pienamente.  Basti ascoltare la opener “Walking Backwards”, veloce, riffata, dinamica e dall’ottimo tiro ma con un chorus che nulla lascia al suo passaggio. L’ugola inoltre di Ares appare un tantino troppo grezza e adatta semmai ad un thrash piú “ignorante”, piuttosto che a queste composizioni che al contrario sono piú ragionate come struttura e arrangiamenti. La sensazione non cambia nemmeno quando il gruppo si cimenta in brani piú mid-tempo-oriented come “Price You Pay” o “Face To Face”, o quando addirittura i toni si fanno pacati come nel caso di “Still Dreaming” o “Rainmaker”, pezzi melodici e atmosferici in cui la band gioca la carta del cantato pulito, senza però associarlo a linee vocali efficaci. I suoni a cura di Neil Kernon sono buoni e “veri”, anche per il fatto che la band ha deciso di registrare senza metronomo. Un punto sicuramente a favore della spontaneità del sound ma per essere veramente degni di nota e competitivi in una scena che si rifá palesemente ai fasti degli anni ottanta, è sicuramente neccessario fare di più.

TRACKLIST

  1. Walking Backwards
  2. All of It
  3. Price You Pay
  4. Dance with Reality
  5. Still Dreaming
  6. Face to Face
  7. Bottom of the Glass
  8. Rainmaker
  9. Persistence of Memory
  10. Running Dry
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.