DIE APOKALYPTISCHEN REITER – The Greatest Of The Best

Pubblicato il 19/11/2011 da
voto
7.0
  • Band: DIE APOKALYPTISCHEN REITER
  • Durata: 01:10:00
  • Disponibile dal: 18/11/2011
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Ah, le raccolte, croce e delizia di ogni recensore! Chi scrive ritiene che delle volte queste siano utili a facilitare un rapido apprendimento delle gesta di un gruppo, ammesso però che questo si sia reso protagonista di una carriera quantomeno meritevole di attenzione. “The Greatest Of The Best”, riassunto musicale dei sedici anni di attività – fin qui – dei tedeschi Die Apokalypstichen Reiter, è un’opera che giustifica la sua genesi. Il gruppo, fra i più originali nel panorama metal, è di quelli che però non hanno mai goduto di un attenzione, la quale spesso viene regalata dai media a band più abili a sfruttare la moda e meno a confezionare musica di qualità nel corso degli anni. Ad esempio, non si ricorda a memoria un tour europeo che abbia varcato di molto i sacri confini teutonici (dove spopolano). Eppure, i nostri hanno sfornato otto album, di cui molti di pregevole fattura. Ecco quindi che chi conosce la musica dei tedeschi, abilissimi a spaziare nei diversi sottogeneri del metal, dalle ballate classiche alle sfuriate death metal con tocchi di thrash metal, alternando voce roca a toni chiari e limpidi, il tutto declamato nove volte su dieci in lingua madre. La raccolta tiene fede alla loro eterogeneità metal. Si alternano infatti i brani migliori della discografia, quelli più veloci e tirati, dove tutti gli stili si mescolano e domina la melodia, rappresentata con l’ausilio di ottimi arrangiamenti a quelli più calmi e ragionati. Romantici diremmo. I migliori? Fra i più veloci prendiamo “Der Seeman”, la mitica “We Will Never Die” da cantare a squarciagola, perfetto esempio di alternanza bilanciata fra brutalità e melodia, caratteristica principe dei cavalieri dell’apocalisse. E poi le ballate “Wir Reiten”,  “Das Paradies”, “Komm” e ancora le danzerecce “Friede Sei Mit Dir”, “Du Kleiner Witch”, dal ritmo allegro proprio della ska. Dal vivo poi il gruppo è un vero spasso. Oltre che folcloristici – sul palco trovano posto gabbie da tortura sadomaso dove spesso vengono rinchiusi fan, donne perlopiù, gommoni, costumi e altre scenografie varie – sono dannatamente bravi. Concludendo, la raccolta è naturalmente indirizzata a chi è digiuno della “reitermania”. Un piacevole regalo natalizio che consentirà di scoprire un gruppo fra i più validi e geniali in Europa. Chi invece già li apprezza da anni può attendere benissimo la prossima uscita.

TRACKLIST

  1. Die Boten
  2. Adrenalin
  3. Es Wird Schlimmer
  4. Der Seemann
  5. We Will Never Die
  6. Die Sonne Scheint
  7. Du Kleiner Wicht
  8. Nach Der Ebbe
  9. Wir Reiten
  10. Unter Der Asche
  11. Friede Sei Mit Dir
  12. Revolution
  13. Das Paradies
  14. Der Weg
  15. Komm
  16. Erhelle Meine Seele
  17. The Fire
  18. Riders On The Storm
  19. Reitermania
  20. Metal Will Never Die
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.