DIOCLETIAN – Amongst the Flames of a Bvrning God

Pubblicato il 12/09/2019 da
voto
7.5
  • Band: DIOCLETIAN
  • Durata: 00:27:06
  • Disponibile dal: 16/08/2019
  • Etichetta: Profound Lore
  • Distributore: Audioglobe

Non c’è dubbio che con “Amongst the Flames of a Bvrning God”, quarto lavoro sulla lunga distanza dei Diocletian, la Profound Lore si sia accaparrata un concentrato di ferocia e intransigenza in grado di ridicolizzare buona parte di ciò che il cosiddetto filone ‘war’ metal propina agli indefessi seguaci dell’underground da qualche tempo a questa parte. Protagonista fin qui di una carriera bruciante che lo ha visto anche attraversare uno scioglimento-lampo, il gruppo neozelandese si ripresenta sul campo di battaglia con otto brani dalla durata risicatissima che ne esaltano sia l’attitudine militante e distruttiva, figlia di una tradizione musicale che dai pionieri Blasphemy e Revenge arriva dalle parti dei vicini di casa Heresiarch e Witchrist, sia l’innata capacità di mettere a fuoco una proposta troppo spesso sinonimo di approssimazione e disordine.
Un suono che, pur configurandosi come l’equivalente di un treno lanciato a folle velocità verso l’Armageddon, non dimentica il concetto di riff, rivestendolo dell’importanza che merita in un contesto che mira anzitutto a falcidiare ogni forma di resistenza. La frenesia raggiunge qui i suoi picchi massimi, facendo compiere al songwriting un ulteriore passo avanti nell’imbarbarimento del mix di black/death/thrash del quintetto di Auckland, apparentemente intenzionato a spogliarsi di ogni orpello e/o velleità artistica in favore di un approccio 100% ‘no compromise’.
Ritmiche parossistiche e chitarre dall’andamento tanto convulso quanto impattante diventano le armi con cui episodi come “Nuclear Wolves”, “Invincibility Through Strife” o “Plundered by Hyenas” riducono a brandelli l’ascoltatore, accompagnate da uno screaming che dà sovente l’impressione di perdere completamente il controllo. E anche quando i Diocletian rallentano, vedasi le parentesi in odore di Bolt Thrower di “Berserker Rights” o della conclusiva “Restart Civilization”, i danni non risultano meno ingenti, a dimostrazione di una collera non frutto di ‘pose’ o forzature, bensì di una reale urgenza espressiva. Che il countdown per l’annientamento abbia inizio.

TRACKLIST

  1. Nuclear Wolves
  2. Degenerate Swarm
  3. Repel the Attack
  4. Berserker Rights
  5. Invincibility Through Strife
  6. Procreate Strength
  7. Plundered by Hyenas
  8. Restart Civilization
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.