DISCOMFORT – Fear

Pubblicato il 22/07/2018 da
voto
7.0
  • Band: DISCOMFORT
  • Durata: 00:28:17
  • Disponibile dal: 27/04/2018
  • Etichetta: Epidemic Records
  • Distributore:

Nero, profondo, drammatico. Sono i tre aggettivi che calzano meglio al primo full-length dei Discomfort, arrivati a questo traguardo dopo due EP e due split (uno assieme ai False Light, l’altro agli Slander). Inguaribili devastazioni interiori e moti di rabbia troppo a lungo repressa si sfogano in un album che parte dalle proprie paure, in esse trova il suo carburante e, infine, finisce a sua volta per incutere tantissima angoscia. Calpestiamo i territori cosparsi di cenere e afflitti dai miasmi del blackened hardcore e delle ibridazioni fra sludge e black metal, ambiti dove non è facile muoversi, a causa della saturazione del settore. I Discomfort sfuggono al rischio omologazione, pur non apportando suggestioni ‘di rottura’ a regole del gioco ben codificate.
Un vantaggio sulla concorrenza è comunque quello di essere sospinti da una carica crust/d-beat perentoria e genuina, trascinante in un vortice di assatanata isteria canzoni come “Faith” o “Deprive”. Qua si sente bene l’influenza di Tragedy e From Ashes Rise, capace di donare un’aura di terrificante desolazione sia alle schitarrate in libertà, che ai paludosi rallentamenti. Lo slabbrante e fischiante digrignare delle chitarre, nonostante la proposta punti sull’urgenza e la devastazione immediata, si contorna di sfumature caleidoscopiche in mutevoli tonalità di grigio, nero e violaceo; il riffing si addensa e si intorbida a sufficienza per provocare ansia, prostrazione, disagio, arrivando a punte di pesantezza vicine al death metal. È il caso in particolare di “Longing”, un pezzo che richiama facilmente le emulsioni di feralità e ira implacabile dei Tempest. Gli strappi e il groove di “Cold” paiono invece far combaciare gli slanci dei Converge, il math-core obeso degli Knut e un groove diabolico che non ci dispiace accostare ai migliori Pantera.
A trainare fuori dall’anonimato i Discomfort, oltre all’elasticità stilistica, sono prestazioni singole nient’affatto allineate e a dir poco viscerali. Nella tensione lacerante indotta da “Siege” e “Trapped” sono fondamentali le brusche deviazioni della batteria e un’aggressione vocale che attinge tanto dal punk nichilista quanto dal metal estremo più irrazionale. Alcune brevi e dolorose stilettate grindcore aggiungono pepe a un disco di apprezzabile concretezza, ascolto dovuto per coloro che nella musica cercano essenzialmente carnalità e nichilismo.

TRACKLIST

  1. Fear
  2. Cold
  3. Siege
  4. Trapped
  5. Bodies
  6. Unborn
  7. Faith
  8. Deprive
  9. Longing
  10. Divide
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.