DISEASE – 5th Wave, Endless

Pubblicato il 13/09/2005 da
voto
6.5
  • Band: DISEASE
  • Durata: 00:52:50
  • Disponibile dal: //2005
  • Etichetta: Deadbang Records
  • Distributore:

Il sottoscritto ammette di trovarsi spiazzato davanti al primo e vero full-length dei Disease, band da sempre dedita, nei demo che abbiamo avuto modo di ascoltare, ad un thrash metal di stampo inizialmente grezzo e marginale, fino all’approdo, nell’ultimo “ADVIXIIX”, a maggiori sfumature tecniche e ad un approccio compositivo maggiormente riflessivo. Dunque, da cosa deriva tutta la sorpresa del sottoscritto all’ascolto di “5th Wave, Endless”? E’ presto detto: nel giro di così pochi anni, la band sembra aver cambiato piuttosto sostanzialmente l’indirizzo su cui orientare la propria musica; non è forse più nemmeno il caso di parlare di thrash metal vero e proprio, tante sono le sfaccettature che caratterizzano questo nuovo disco. Si passa infatti dall’irruenza thrashy dell’opener “Empowering From Cahos” (della quale abbiamo anche avuto modo di sentire già una versone embrionale nella loro precedente raccolta) alla più lineare e moderna “After” (dove si può anche notare una certa infiltrazione di melodie nu metal), al thrash/death tecnico ma strabordante di melodie di “Your Venom Through My Veins” (dove fanno capolino a tratti gli ormai onnipresenti Death) per continuare col misto di black metal primordiale e death metal melodico che caratterizza la prima parte di “Elegy For A New Day” e con altri interessanti esperimenti. Ma veniamo al dunque: non sappiamo se la scelta dei Disease è stata puramente voluta (dato che in pratica ogni pezzo o quasi sembra appartenere ad una sfumatura di metal diversa, pur mantenendo le solide basi che caratterizzano la band) o dovuta ad un’eccessiva indecisione sulla strada da seguire, sta di fatto che sicuramente “5th Wave, Endless” si rivela un grandissimo azzardo: come riuscire a fare centro con un disco così eccessivamente variegato, senza commettere degli errori? Ebbene, il centro pieno non c’è stato ma dobbiamo comunque fare i complimenti ai Disease per il fatto di essere riusciti a mantenere il controllo di una macchina così difficile da usare e da maneggiare come “5th Wave, Endless”, dato che questo si rivela comunque un disco più che discreto che merita sicuramente più di un ascolto da ogni appassionato del metal estremo che si giudichi tale. Dall’altra parte, però, l’operazione ha avuto anche il suo prezzo da pagare: ovverossia, l’esecuzione delle canzoni a volte risulta confusa e difficoltosa (la band evidentemente ha azzardato troppo, cercando di fare qualcosa di troppo eccessivo per il potenziale tecnico che presentava), e l’eccessivo scarto di sonorità tra le canzoni, unito alla loro frequente prolissità, a volte rischia di far annoiare l’ascoltatore. Buon disco, dunque, ma per il futuro consigliamo alla band di curare maggiormente gli arrangiamenti (anche perché, vista la strada su cui hanno deciso di avventurarsi, il cammino è sicuramente in salita!), ed allora davvero si potrà sentir parlare dei Disease comedi una band ricca di inventiva e di ampie possibilità per ottenere riconoscimenti futuri.

TRACKLIST

  1. Empowering From Chaos
  2. After
  3. Your Venom Through My Veins
  4. Elegy For A New Day - part I: Descent
  5. Elegy For A New Day - part II: Redemption
  6. Black Cometh
  7. My Long Journey
  8. Flowing Sin
  9. 1000 Scars
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.