DISENTOMB – The Decaying Light

Pubblicato il 16/07/2019 da
voto
8.0
  • Band: DISENTOMB
  • Durata: 00:44:10
  • Disponibile dal: 12/07/2019
  • Etichetta: Unique Leader
  • Distributore: Audioglobe

Fa sempre piacere quando un gruppo partito in sordina con un esordio approssimativo riesce a migliorarsi e a compiere un autentico salto mortale in termini di efficacia e personalità. È il caso degli australiani Disentomb, saliti agli onori della cronaca underground come uno dei tanti epigoni di Condemned e Disgorge e oggi approdati su Unique Leader con quella che probabilmente si rivelerà l’opera della loro definitiva consacrazione. Introdotto da uno splendido dipinto di Nick Keller (Altarage, The Black Dahlia Murder, Vampire), “The Decaying Light” vede il quartetto di Brisbane approfondire e portare a compimento le intuizioni avute sul precedente “Misery” in un’escalation dai toni ombrosi e apocalittici, rifuggendo dalla sterile ripetizione di cliché espressa dal roster di etichette come Amputated Vein, Comatose e Sevared.
Undici brani che, muovendosi tra compressioni e decompressioni, stilemi presi di peso dalla scuola californiana di inizio anni Duemila e sfumature dissonanti di chiara ascendenza Ulcerate, offrono una rilettura inedita di quello che solitamente viene considerato il sotto-genere tetragono per antonomasia. Un’evoluzione che, senza sacrificare un briciolo della prorompente brutalità dei Nostri, si propone di conferire alla tracklist una patina di emotività tanto sottile quanto determinante sul risultato finale, la quale ha l’indubbio pregio di svelarsi per gradi, quasi fosse il dettaglio sfuggente della trama di un libro o di un film. Detto che il frontman Jordan James ribadisce qui la sua natura di mostro monolitico, evidentemente incapace di esprimersi in altri modi al di fuori di un certo tipo di growling, la progressione nelle abilità tecniche della band risulta lampante, a partire dal guitar work sempre più ingegnoso e vitale di Jake Wilkes, vero artefice del nuovo corso del progetto. Un po’ Diego Sanchez, un po’ Michael Hoggard, il Nostro scolpisce una serie di riff e armonizzazioni dalla spiccata energia cinetica, sempre vagamente catchy e lungi dall’assestarsi su un determinato iter o andamento. Episodi come l’opener “Collapsing Skies”, la titletrack, “The Droning Monolith” o la terrificante “Invocation in the Cathedral of Dust”, d’altronde, parlano da soli: questo è il suono di una band a cui la mera dicitura ‘brutal’ sta ormai stretta, maturata sotto ogni punto di vista e da annoverare seduta stante tra le sorprese di questo 2019 extreme metal. I cinque anni di silenzio discografico hanno dato i loro frutti.

TRACKLIST

  1. Collapsing Skies
  2. Your Prayers Echo into Nothingness
  3. Indecipherable Sermons of Gloom
  4. Undying Dysphoria
  5. Centuries of Deluge
  6. The Decaying Light
  7. The Great Abandonment
  8. Dredged into Existence
  9. The Droning Monolith
  10. Dismal Liturgies
  11. Invocation in the Cathedral of Dust
  12. Rebirth Through Excoriation
  13. Withering
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.