DISFEAR – Misanthropic Generation

Pubblicato il 01/09/2003 da
voto
7.0
  • Band: DISFEAR
  • Durata:
  • Disponibile dal: 01/09/2003
  • Etichetta: Relapse Records
  • Distributore: Spin-go

Streaming:

Approdati alla Relapse e reclutato Thomas Lindberg per il ruolo di nuovo cantante (ma quest’uomo ce l’ha una vita privata?) tornano gli svedesi Disfear a ben sei anni dal loro ultimo parto discografico. Che dire? Di acqua sotto i ponti ne è passata, ma questa divertentissima band pare non aver perso lo smalto di un tempo e, rinvigorita dall’arrivo di Lindberg, promette d’ora in poi di fare scintille! Proprio come la musica dei nostri, veniamo subito al sodo: se siete stanchi di tecnicismi e finezze varie, vi consigliamo subito di procurarvi "Misanthropic Generation" perché quando il punk-hardcore-crust é così bastardo è davvero un vero piacere ascoltarlo! Dodici pezzi praticamente identici, riconoscibili (ma dovete sforzarvi!) solo da qualche vaga melodia di fondo, tutti sparatissimi, dotati di un sound esplosivo (Mieszko Talaryzk dei Nasum sta facendo scuola) e talmente ignoranti da farvi accapponare la pelle! Non è musica per palati fini ma se amate band come i Genocide SS, i Wolfpack, i The Crown o gli ultimi Entombed più minimali e persino i Motorhead, i Disfear sono la band che fa per voi… saranno in grado senz’altro di regalarvi una sanissima scarica di adrenalina. Il voto è piuttosto basso? Non fermatevi solo a quello, bisogna essere obiettivi… ad un disco del genere, che non inventa nulla e che non ha assolutamente questa pretesa né qualsiasi altra se non quella di divertire, non si può dare più di tanto. Ma la qualità c’è e, se l’originalità per voi non è determinante, non dovete esitare. Destroy!!!

TRACKLIST

  1. Powerload
  2. An Arrogant Breed
  3. Misanthropic Generation
  4. Rat Race
  5. The Final Of Chapters
  6. Never Gonna Last
  7. Demons, Demons, Demons
  8. 26 Years Of Nothing
  9. A Thousand Reasons
  10. The Horns
  11. Dead End Lives
  12. Desperation
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.