DISMEMBER – The God That Never Was

Pubblicato il 21/02/2006 da
voto
8.0
  • Band: DISMEMBER
  • Durata: 00:40:00
  • Disponibile dal: 27/01/2006
  • Etichetta:
  • Regain Records
  • Distributore: Self

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Finalmente! Dopo un’attesa di un paio d’anni e il cambio di casadiscografica, ritornano i paladini dello swedish death più puro edincontaminato, e lo fanno con il botto. Seguendo la strada tracciatadal precedente, validissimo, “Where Ironcrosses Grow”, i nostri cipropongono un album che è un ideale punto d’incontro tra il masterpiece”Death Metal” e il primo, indimenticabile, “Like An EverflowingStream”. E’ impossibile non esaltarsi per un assolo melodico diBlomqvist (ad esempio in “Time Heals Nothing”), o non sbattere ilcapoccione tentando di seguire i ritmi dettati da Fred Estby dietro lepelli. Tutto l’album è scritto e suonato da una band che non ha nullada dimostrare a nessuno e che si concentra esclusivamente sulla buonariuscita dei brani, in un mix letale di consapevolezza ed istintività.A differenza del suo già citato predecessore, “The God That Never Was”diminuisce la componente melodica, in favore di una violenza espressaalla perfezione in brani quali la title track, “Autopsy” (probabileomaggio all’omonima band culto), con il suo fantastico break rallentatocentrale, e la scheggia impazzita “Never Forget, Never Forgive”, quantodi più violento scritto dai ragazzi da qualche anno a questa parte.Anche la produzione, curata così come il mixing dallo stesso Estby,aiuta non poco, in quanto valorizza al punto giusto il sound, bendefinito ma crunchy al tempo stesso e, soprattutto, esalta la voce diun Matti Karki come sempre in forma smagliante. E’ davvero incredibileconstatare come i Dismember portino avanti, con una coerenza ed unaperseveranza più uniche che rare, un discorso musicale che loro stessicontribuirono a creare quasi una ventina di anni fa, senza maisnaturarsi ma, anzi, migliorandosi album dopo album, senza vergognarsidi mostrare le proprie influenze, Iron Maiden su tutti (sentitevi lastrumentale “Phantoms” e sappiateci dire). Onore quindi a questiragazzi che, con passione, umiltà e professionalità, hanno aggiunto unaltro importante tassello alla loro già strepitosa, seppursottovalutata carriera. Fondamentali.

TRACKLIST

  1. The God That Never Was
  2. Shadows Of The Mutilated
  3. Time Heals Nothing
  4. Autopsy
  5. Never Forget, Never Forgive
  6. Trail Of The Dead
  7. Phantoms ( Of The Oath )
  8. IntoThe Temple Of Humiliation
  9. Blood For Paradise
  10. Feel The Darkness
  11. Where No Ghost Is Holy
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.