DISTURBED – Live At Red Rocks

Pubblicato il 30/11/2016 da
voto
7.0
  • Band: DISTURBED
  • Durata: 01:04:00
  • Disponibile dal: 11/18/2016
  • Etichetta: Warner Bros
  • Distributore: Warner Bros

Dopo la reunion “a sorpresa” – non tanto nelle intezioni, essendo evidente che i progetti paralleli erano solo un passatempo, quanto nei tempi, avendo registrato il disco del ritorno di nascosto – i Disturbed sembrano averci preso gusto a giocare a nascondino (anche se non siamo ai livelli degli A7X), e così ecco arrivare nei negozi questo “Live At Red Rocks” a pochi giorni dall’annuncio. Registrato pochi mesi fa nella suggestiva location del Red Rocks Amphitheater – anfiteatro naturale in Colorado, già utilizzato in passato per analoghe finalità da parte di U2, Incbus, Mumford & Sons e molti altri ancora -, il primo live ‘completo’ nella ventennale carriera del quartetto di Chicago vede la sua dimensione ideale nella versione DVD, dove al suggestivo sfondo delle rocce arenarie si accompagnano gli effetti speciali cui siamo abituati dai tempi del Music As A Weapon tour. Limitando la nostra analisi alla parte audio, la sola in nostro possesso, dobbiamo dire che l’esibizione di Draiman e soci, nonostante l’ottima resa sonora, colpisce ma non stupisce: sarà la mancanza della controparte scenografica, l’interazione abbastanza limitata con il pubblico o la scaletta tanto ineccepibile quanto prevedibile, ma l’impressione è più quella di trovarsi tra le mani un best of antologico registrato dal vivo, con una pulizia sonora degna delle registrazioni in studio. Preso atto che i Disturbed di oggi non sono più la band animalesca d’inizio secolo (ma questo non lo scopriamo certo oggi), va comunque detto che questo live riassume al meglio la carriera dei Nostri, pescando a piene mani dal leggendario debutto (ben quattro gli estratti, compresi i singoloni “The Game”, “Stupify”, “Down With The Sickness” oltre all’opener “Voices), e rappresentando adeguamente i successivi lavori da “Believe” a “Indsetructible” passando per “Ten Thousand Fists” (da ognuno dei quali vengono estratti i due singoli più conosciuti). Limitando giustamente il trascurabile “Asylum” (rappresentato dalla sola “Animal”), dall’ultimo “Immortalized” vengono invece pescati i tre brani già noti al grande pubblico, tra cui spicca l’ormai inflazionata cover di “The Sound Of Silence”, inedita versione intima di Draiman che ha ormai travalicato i confini di genere, finendo col far circolare il nome dei Disturbed anche in contesti decisamente più nazional-popolari. Ecco, a proposito di cover ci sarebbe piaciuto risentire anche la celeberrima versione di “Shout”, ma si tratta di un peccato veniale in una tracklist comunque strapiena di grandi classici del genere, eseguiti alla perfezione da una band non più ‘letale’ come un tempo, ma comunque tra le meglio invecchiate dell’ormai vetusta scena nu-metal. Per chi ancora non li consocesse a fondo, presumibilmente per limiti anagrafici, la parte audio rappresenta come detto un utile compendio per farsi un’idea dell’intera discografia; per chi invece avesse già familiarità con ‘The Guy’, il consiglio è di prendere il pacchetto completo, in attesa di rivederli in azione tra qualche mese di spalla agli A7X.

TRACKLIST

  1. Introduction
  2. Ten Thousand Fists
  3. The Game
  4. The Vengeful One
  5. Prayer
  6. Liberate
  7. The Animal
  8. Stupify
  9. The Sound of Silence
  10. Lost Soul
  11. Inside The Fire
  12. The Light
  13. Stricken
  14. Indestructible
  15. Voices
  16. Down With the Sickness
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.