DOGS FOR BREAKFAST – Rose Lane Was Tucker’s Girlfriend

Pubblicato il 28/09/2010 da
voto
7.5
  • Band: DOGS FOR BREAKFAST
  • Durata: 00:22:51
  • Disponibile dal: 12/07/2010
  • Etichetta: Subsound Records
  • Distributore: Goodfellas

EP d’esordio col botto per i cuneesi Dogs For Breakfast, terzetto lacerante che nasce dalle ceneri dei punk-hardcorers Slaiver – dieci anni di militanza nella scena – e che si ricicla benissimo in una noise-post-core band dalle potenzialità internazionali. L’unione di intenti e i tasselli che combinano il puzzle “Rose Lane Was Tucker’s Girlfriend” non hanno sbavature alcune, a partire dalla cura dell’artwork a tema, passando dalla poderosa produzione di Giulio Favero (ex-Il Teatro Degli Orrori) per finire al concept, breve ma intenso, intriso nelle lyrics. Ma – aspetti di contorno, più o meno importanti, a parte – quello che fa presagire un ottimo futuro per la formazione nostrana è la proposta musicale, sviscerata in cinque brani dall’impatto cangiante ma certo mai banale, sia che si tratti di sfuriate hardcore quasi minimali, come nel caso di “I’ll Guide Your Soul” e “Your God Is Gone”, sia che ci si trovi davanti a piccole sinfonie noise-core brucianti e dissonanti che rispondono al nome di “The Beginning” e “Blood River”, nelle quali un groove denso e pesantissimo viene alternato a soluzioni rumoristiche e schizoidi, ben sostenute dai vocalizzi filtrati e malati del bassista Fabio Oliva. “Three Steps To Salvation” è un episodio un po’ a sé, aperto da un incipit modello dolce carillon e fatto crescere da sezioni semi-acustiche prima ed esplodenti poi. Da segnalare la presenza del sassofonista degli Zu, Luca T. Mai, nei brani di apertura e chiusura, che grazie alle sue improvvisazioni dona ancor più maturità, intraprendenza e follia al progetto. Quello che però ci preme sottolineare di positivo dei Dogs For Breakfast è che, prendendo spunto qua e là da Converge, Snapcase, Vision Of Disorder, Unsane e anche un pelo di Mastodon, volendo, riescono a plasmare un suono già piuttosto personale e che davvero spacca i deretani! Consigliamo loro – sebbene non abbiano assolutamente bisogno di consigli – di insistere sulla parte noise e groovy del loro suono, che è quella che troviamo più intrigante. Ottimo lavoro, ragazzi!

TRACKLIST

  1. Chapter I: The Beginning
  2. Chapter I I: Blood River
  3. Chapter I I I: I’ll Guide Your Soul
  4. Chapter I V: Your God Is Gone
  5. Chapter V: Three Steps To Salvation
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.