DOMMIN – Love Is Gone

Pubblicato il 08/02/2010 da
voto
7.5
  • Band: DOMMIN
  • Durata: 00:44:04
  • Disponibile dal: 29/01/2010
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Warner Bros

Streaming:

Un debutto coi fiocchi quello dei Dommin, arrivato sottovoce, come può suggerire la struggente proposta musicale della formazione, figlia della passione smisurata del leader Kristofer, che ha levigato per anni la sua creatura nutrendola sino a questo parto scintillante sulla sempre più potente Roadrunner Records. Pochi dischi possono vantare una serie di influenze manifeste ma rielaborate con perizia e gusto in proposta esclusiva: i Dommin invece riescono a fondere i Type O Negative più immediati, il romanticismo sfrenato degli HIM, la sfacciata familiarità con le leggende di Elvis, Doors e Sinatra, le fredde melodie dei Depeche Mode e il suono maledetto di Danzig. Tutto questo, incredibilmente, con un tocco personale, di sicuro il pregio più grande di questa formazione. Parlando dell’album è impressionante la varietà della proposta musicale e della maturazione artistica raggiunta al debutto discografico da musicisti relativamente giovani, caratterizzata da brani immediatamente assimilabili, levigati in maniera sapiente e tinti in romanticismo dark e rock gotico e decadente (“Tonight”), tocchi new wave (“Making The Most” e “Honesty”) e sofferta emotività (“I Still Lost”). Le perle del disco sono di sicuro lo strabiliante singolo “My Hearts, Your Hands”, che evoca il miglior Keith Caputo, la disperatamente romantica title track e lo spiazzante cabaret dark di “Dark Carnival”, che sfiora lo swing in una cornice adatta alle fiabe di Tim Burton. Protagoniste indiscusse le tastiere, varie ed eleganti, e la calda voce di Kristofer, che sa essere profonda, suadente, evocativa ma anche versatile e intrigante nella sua estensione e nelle citazioni dei grandi interpreti di cui abbiamo già citato le band. Melodici e immediati ma di una inaspettata profondità, con “Love Is Gone” i Dommin ipotecano un futuro radioso con un debutto eccellente, che saprà sedurre un pubblico trasversale con le molteplici citazioni in un contesto organico e funzionale, con varietà, intensità e qualità. ‘Il suono dei cuori infranti’ sembra una definizione inconcludente e banale, ma calza a pennello. Da non sottovalutare.

TRACKLIST

  1. My Heart, Your Hands
  2. New
  3. Evenfall Hollow
  4. Tonight
  5. Love Is Gone
  6. Dark Holiday
  7. Without End
  8. Within Reach
  9. Closure
  10. Making The Most
  11. One Feeling
  12. I Still Lost
  13. One Eye Open
  14. Honestly
  15. Remember
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.