DONOTS – Pocket Rock

Pubblicato il 04/04/2002 da
voto
4
  • Band: DONOTS
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2002
  • Etichetta:
  • Distributore:

Musica da intrattenimento. Non saprei come altro definire il punk rock suonato da questa band. “Pocketrock” per quanto mi riguarda può essere buttato tranquillamente… no non nel secchio, ma nello stereo di una quattordicenne che accanto al poster di Tom Cruise ha quello dei Blink 182 e compagnia bella.
Infatti i nostri cinque bravi ragazzi non suonano nient’altro che pseudo punk adolescenziale, e credetemi, io il punk penso di conoscerlo e sono convinto che non è un buco sui pantaloni o una toppetta qua e la che ha permesso ai Ramones di diventare una leggenda o a Joey Ramone di rimanere nella memoria di tutti, anche di chi magari non è un fan ma semplicemente un appassionato di ‘musica’.
Vorrei proprio sapere quanti quindicenni original prankster di oggi hanno mai ascoltato oltre ai gia citati Ramones i The Clash, oppure senza andare troppo indietro negli anni, i Rancid oppure i Black Flag.
La mia corta memoria mi riporta al 1994 quando sulle scene entrò direttamente dalla porta principale un album di nome “Dookie” che portava la firma di un gruppetto di sconosciuti, i Green Day, i quali dopo due anonimi album si sono ritrovati in vetta alle classifiche di mezzo mondo, segnando l’inizio dell’era del punk commerciale o punk rock, diventando in seguito la parodia di loro stessi.
Se proprio si deve salvare il salvabile in questo disco ci sono dei pezzi come “Today” o “Watch You Fall” che potrebbero essere interessanti, ma state tranquilli perché arriverà sempre il misero coretto nel ritornello a far rientrare tutto negli schemi. Con questo non voglio dire che uno non può suonare quello che vuole, ma almeno non chiamatelo punk, semplicemente rock andrebbe benissimo. Altrimenti si corre il rischio di confondere i poveri teenager facendogli credere di trovarsi di fronte a della musica cattiva che fa arrabbiare i genitori.
Magari al prossimo San Remo chiameranno i Donots a scioccare la folla con il numero della chitarra lanciata in aria a cui i più sfortunati hanno potuto assistere lo scorso anno.

TRACKLIST

  1. I Quit
  2. Whatever Happen To The 80’s
  3. Superhero
  4. Today
  5. Don’t You Know
  6. Room With A View (Give Me Shelter)
  7. Watch You Fall
  8. In Too Deep
  9. Radio Days
  10. Hot Rod
  11. Jaded
  12. At 23
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.