DOPE STARS INC. – Neuromance

Pubblicato il 04/10/2005 da
voto
8.0
  • Band: DOPE STARS INC.
  • Durata: 00:59:29
  • Disponibile dal: 22/08/2005
  • Etichetta:
  • Trisol Music
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Rarissime volte una band italiana – neanche gli osannati LacunaCoil, maggiori esponenti del nostro metal all’estero – ha esordito conun tale dispiegamento di mezzi, capacità, idee chiare eprofessionalità, come riescono a fare oggi i romani Dope Stars Inc.,quartetto già in precedenza brillante autore del demo “10000 Watts OfArtificial Pleasures”. “Neuromance” è l’album di debutto di Victor Love(già negli ottimi My Sixth Shadow) e compagni ed indubbiamente proiettala band ad un altissimo livello di esposizione e gradimento,soprattutto in Germania dove i nostri sono già richiestissimi e moltoapprezzati. La ricetta del (prevedibile) successo dei Dope Stars Inc. ètanto facile a dirsi quanto difficile a realizzarsi: una combinazionevincente di attitudine oltraggiosa e pseudo-arrogante, look androgino,futuristico e vistoso tra dark, cyber e glam mansoniano – che, bisognadirlo, se è vero che potrà essere in grado di affascinare gliappassionati delle suddette sonorità, è altrettanto vero che faràrifuggire a pie’ levato le frange più oltranziste del metal tutto – eduna musica iper-accattivante, ruffiana e commerciale quanto vogliate,ma anche davvero ben composta, ricca di idee, curata nei minimidettagli, prodotta alla perfezione e, ciò che più importa, più pesantedi quello che possa sembrare. Accasatisi alla potente label tedescaTrisol, la quale ha fornito un supporto fondamentale in fase dipromozione e confezione dei vari packaging del disco (strepitosi!), iDope Stars Inc. suonano un vigoroso ibrido elettronico tra rock, metal,punk, dark, techno e glam, il tutto sparato fuori dalle casse ad unapotenza invidiabile e con una violenza non di poco conto. Ovvio che“Neuromance” risulta consigliato principalmente alla gente open-minded,in quanto la prevalenza elettronica su quella metallica, soprattutto insede ritmica, è netta; vi assicuriamo, in ogni caso, che l’unione diriff al fulmicotone alle pompatissime pulsioni techno, in questa sedenon fa rimpiangere assolutamente le sfuriate di doppia cassa, anzi,l’headbanging viene praticamente automatico! Il disco è diviso in tresezioni: Code Capricorn – Rise Of The Machines, Code Saturn –Ultraviolent E-volution, Code Cancer – Epicentre Gigahertz. Quasi aricordare le epiche e distruttive atmosfere del manga Neon GenesisEvangelion, “Neuromance” presenta una tracklist ottimamente ordinata inun crescendo di intensità, velocità, violenza e atmosfera robotica: se,infatti, il mega-singolo d’apertura “10.000 Watts” (come non notare labreve strofa in tedesco, giusto per strizzare l’occhio al mercatoteutonico?) e la seguente “Infection 13” aprono le danze in manieraesaltante, le seguenti quattro canzoni risultano quelle più pacate etranquille, con “Generation Plastic” a chiudere la prima sezione con ilsuo mood dark decadente e melanconico. Da “Rebel Riot” in avanti, però,si scatena davvero l’inferno: il rock più sanguigno e verace si mischiaall’assalto tunzettone in un vortice di impulsi trascinanti, chorus daimmediato tatuaggio in testa ed un groove davvero esaltante. “ThetaTitanium”, “Defcon 5”, “Self Destructive Corp.”, “Plug’n’Die”,“Trance-Former”: un’orgia di copulazioni senza freno tra metal edelettronica ottimamente orchestrata. Chiude la strumentale “C-Beams”, evien voglia subito di ripetere l’ascolto di tutto il disco! Albumineccepibile, probabilmente estraneo alla grande tribù dei metallariduri e puri, ma assolutamente consigliato a chi non ha paura diabbattere barriere e scoprire nuove sensazioni. Go Dope!

Nota: l’edizione limitata di “Neuromance”, nel numero di 3000 copie,contiene un bellissimo bonus-disc con un brano inedito, “I’mOverdriven”, due cover (London After Midnight e HIM) e quindicipiacevoli remix di alcuni dei brani presenti nel disco.

TRACKLIST

  1. 10.000 Watts
  2. Infection 13
  3. Platinum Girl
  4. Make A Star
  5. Vyperpunk
  6. Generation Plastic
  7. Rebel Riot
  8. Theta Titanium
  9. Self Destructive Corp.
  10. Plug ’N’ Die
  11. Defcon 5
  12. Trance – Former
  13. C – Beams
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.