DOPPLER INC. – Nu Instrumetal

Pubblicato il 07/09/2005 da
voto
5.5
  • Band: DOPPLER INC.
  • Durata: 00:54:26
  • Disponibile dal: 01/09/2005
  • Etichetta:
  • Favored Nations
  • Distributore: Andromeda

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Mai titolo è stato più esplicativo di questo per inquadrare la propostamusicale di una band: Doug Doppler, allievo di Joe Satriani, e la suaband cercano, infatti, di mescolare il virtuosismo di chitarra(rigorosamente a sette corde), con il riffing e le contaminazioni delnu metal di Korn e Limp Bizkit. Il tutto sembrerebbe interessante, comea voler creare una nuova generazione di guitar hero le cui radici nonaffondano più solo nello shredding anni ’80, ma che rielaborano quantodi buono è stato fatto dalle nuove leve, integrando così il propriosound. Purtroppo questa dichiarazione di intenti non riesce a tradursiin azione dato che, con l’aumentare degli ascolti, l’iniziale interessesi smorza rapidamente. Se ad un primo ascolto, infatti, il groove dellechitarre compresse e ribassate, unito all’indubbio talento di DougDoppler, può essere coinvolgente, dopo il secondo ci si rende contoche, in sostanza, “Nu Instrumetal” è un album inutile. Il motivo èpiuttosto semplice: come accade spesso in lavori interamentestrumentali di molti guitar hero, mancano i brani. Le composizioni sonoprincipalmente esercizi di chitarra, più o meno funambolici, suonati suuna base moderna, che possono interessare solo a livello esecutivo.Peccato perché, nei rari casi in cui la band riesce a focalizzare lapropria proposta senza perdersi per strada, vengono fuori dei brani ditutto rispetto: è il caso del lento “Like Father, Like Son”, e delledivertenti “Wicked” e “Funky Armadillo”, valorizzate dalla bellaimpronta funk e da un sapiente uso di effetti ed elettronica. A contifatti, dunque, “Nu Instrumetal” potrebbe stuzzicare giusto l’appetitodi qualche appassionato di chitarra infatuato delle partitureintricate. Sicuramente non verrebbe deluso dall’esecuzione dei DopplerInc., forse apprezzerebbe le sonorità moderne e l’effettistica e sigusterebbe gli interventi degli illustri ospiti che hanno collaboratoin alcuni pezzi (Billy Sheehan, Stu Hamm e Brad Gillis); tuttavia, sesi mettesse a cercare dell’Arte in questo CD, probabilmente netroverebbe ben poca.

TRACKLIST

  1. Fat Lip
  2. Fire Down Below
  3. Wicked
  4. Grind
  5. Wrecking Ball
  6. Funky Armadillo
  7. Like Father, Like Son
  8. Starcrossed Lovers
  9. Bring It On
  10. Bumpin' Grind
  11. Five Hi
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.