DORO – Raise Your Fist

Pubblicato il 29/10/2012 da
voto
5.0
  • Band: DORO
  • Durata: 00:53:00
  • Disponibile dal: 19/10/2012
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

A tre anni di distanza dalla pubblicazione di “Fear No Evil”, l’inossidabile Doro Pesch non ha alcuna intenzione di abdicare al trono di regina del metal, pubblicando l’ennesimo studio album della sua onorata carriera. “Raise Your Fist” contiene tutte le caratteristiche peculiari in grado di accontentare i fan più devoti, dato che al suo interno troviamo tredici episodi assolutamente classici nella sostanza. Questi tuttavia sono purtroppo penalizzati da un songwriting incerto ed altalenante. Difatti, sembra che in questa occasione la cantante di Düsseldorf abbia cercato in maniera ossessiva di impostare la maggior parte dei brani su chorus ammiccanti e facilmente memorizzabili. Non possiamo affermare che l’esperimento sia particolarmente riuscito, in quanto, se da un lato Doro pesca il jolly dal mazzo con un anthem irresistibile (e futuro classico della band) come “Raise Your Fist In The Air”, dall’altro troviamo vari filler come “Coldhearted Lover”, “Rock Till Death” e “Grab the Bull (Last Man Standing)”, resi particolarmente indigesti da ritornelli fiacchi e ridondanti. Quando i Nostri decidono di aumentare la velocità, riescono a partorire due roboanti fucilate come “Take No Prisoner” e “Revenge” – episodi che rimandano al sound rovente dei Warlock – ma le consuete power ballad non riescono invece ad emanare una luce brillante ed intensa, salvate comunque in calcio d’angolo da una generosa ed efficace dose di mestiere. Nella sofferta “It Still Hurts” troviamo come ospite quella vecchia volpe di Lemmy Kilmister dei Motorhead, mentre su “Engel” (cantata interamente in tedesco) viene curiosamente applicato un forte riverbero sul rullante della batteria, esperimento che rimanda alle policromie sonore tipiche degli eighties. La band si concede il lusso di flirtare con sonorità moderne nel pop oscuro, ma affatto convincente, di “Freiheit (Human Rights)”, mentre la conclusiva “Hero” è un sentìto ed apprezzabile tributo nei confronti del piccolo grande Ronnie James Dio. Sebbene il disco sia sincero fino al midollo nei suoi intenti, risulta qualitativamente troppo discontinuo e poco efficace per guadagnarsi una dignitosa sufficienza. Un mezzo passo falso.

TRACKLIST

  1. Raise Your Fist In The Air
  2. Coldhearted Lover
  3. Rock Till Death
  4. It Still Hurts
  5. Take No Prisoner
  6. Grab the Bull (Last Man Standing)
  7. Engel
  8. Freiheit (Human Rights)
  9. Little Headbanger (Nackenbrecher)
  10. Revenge
  11. Free My Heart
  12. Victory
  13. Hero
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.