DOWN – Diary Of A Mad Band

Pubblicato il 26/11/2010 da
voto
7.0
  • Band: DOWN
  • Durata: 01:20:12
  • Disponibile dal: 20/11/2010
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Universal

I Down nascono come un progetto parallelo di Phil Anselmo, una band di amici che semplicemente vuole suonare senza troppi casini per la testa. Negli anni i Down sono divenuti una realtà sempre più importante, oggi forse la principale priorità di Phil che, orfano dei defunti Pantera, sta vivendo una seconda giovinezza, più sobrio e concentrato sulla sua musica. “Diary Of A Mad Band” è il primo live della band americana, una forte testimonianza di un sound che all’heavy/sludge metal ha saputo unire squisitamente influenze stoner e southern senza perdere nulla in termini di potenza. Le registrazioni risalgono ad un concerto tenuto nel 2006 a Londra, la tracklist di questo doppio CD propone i migliori estratti della formazione di New Orleans. Il “tiro” e la potenza della band in sede live non si discutono, “Diary Of A Mad Band” è una testimonianza ineccepibile sotto questo aspetto, basti ascoltare veri carri armati come “Bury Me In Smoke”, “Eyes Of The South” o “Stone the Crow” per rendersi conto della devastante forza distruttrice dei Down. Non mancano momenti toccanti come l’esecuzione di “Lifer”, dedicata al compianto Dimebag Darrel, ed in generale l’atmosfera che si respira durante l’ascolto del disco è quella di un lavoro naturale e spontaneo, non eccessivamente ritoccato in studio . A prova di ciò, la performance di Phil Anselmo si rivela tutt’altro impeccabile dal punto di vista vocale, non a caso il cantante è amato più per il suo carisma sul palco che per le prodezze tecniche. Il duo Pepper Keenan/Kirk Windstein fa scintille grazie ad un muro ritmico costruito su riff poderosi e sicuri. Nonostante una discografia ridotta, “Diary Of A Mad Band” si rivela un ottimo live capace di porre sotto i riflettori ciò che meglio sanno fare i Down: suonare heavy metal. Saranno rozzi, ignoranti, sporchi, brutti e cattivi, ma a noi piacciono così. Questa è l’essenza del vero heavy metal.

TRACKLIST

  1. Losing All
  2. Lifer
  3. Lysergic Funeral Procession
  4. Rehab
  5. Temptations Wings
  6. Ghosts Along the Mississippi
  7. Learn From This Mistake
  8. Hail the Leaf
  9. New Orleans Is a Dying Whore
  10. Lies (I Don't Know What They Say But....)
  11. Underneath Everything
  12. The Seed
  13. Eyes of the South
  14. Jail
  15. Stone The Crow
  16. Bury Me In Smoke
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.