DRAGONHAMMER – The X Experiment

Pubblicato il 22/12/2013 da
voto
7.0
  • Band: DRAGONHAMMER
  • Durata: 00:43:39
  • Disponibile dal: 02/12/2013
  • Etichetta: My Kingdom Music
  • Distributore: Masterpiece

I Dragonhammer nascevano agli inizi del 2000, negli anni d’oro del power metal made in Italy,  e nel giro del primo quinquennio del nuovo secolo diedero alle stampe un paio di pregevoli album perfettamente inquadrati nel loro genere di provenienza. Al buon ”Time For Expiation” del 2004 seguì poi un lungo silenzio, rotto solamente adesso, alle porte del 2014, dal comunicato di questo nuovo “The X Experiment”, un disco che cambia un po’ le carte in tavola e che ci presenta una band rinnovata nell’entusiasmo (e, come vedremo, ulteriormente motivata da prestigiose collaborazioni con artisti italiani di buon calibro), ma soprattutto rivoluzionata nella lineup. Unici a rimanere della partita sono infatti i soli Max Aguzzi e Gae Amodio, rispettivamente voce e chitarra, e non è un caso che proprio attorno al loro carisma e alle loro prestazioni si sviluppino le maggiori trame portanti a livello musicale dell’intero album, lasciando però un ruolo importante alla batteria, suonata qui dal buon David Folchitto (Stormlord), descrittoci in veste di ospite ma in realtà presente su tutti i pezzi. A parte i pesanti cambiamenti riscontrati a livello di formazione; notiamo anche un certo mutamento a livello del songwriting stesso, che abbandona spesso e volentieri il melo-sympho-power degli esordi in favore di atmosfere più ragionate e di classe, sconfinanti spesso in territori progressive. Decisamente forte è inoltre la scelta di incentrare le tematiche dell’album su un concept dotato di una storyline ben precisa, la quale peraltro proseguirà, pare, anche sui prossimi album del combo italico. Sorpassata la futuristica intro “It’s beginning” che già ci presenta gli argomenti portanti dell’album con un programma radio che parla delle personalità governanti di vari stati mondiali che abbandonano il pianeta ormai devastato per spostarsi su una colonia lunare, ci imbattiamo subito nella bordata power di “The End Of The World”, che ci getta un preciso ponte con il passato. Il power di Hammerfall e Stratovarius sveglia subito la nostra attenzione, e le vocals del primo ospite Roberto Tiranti (Labyrinth, e tanti altri) ci entusiasmano come dovrebbero, dando la spinta finale ad un pezzo già di per sé riuscito, che veramente decolla nelle nostre orecchie. Un ottimo inizio! Ma le già introdotte atmosfere ‘borderline’ con la scena progressive si presentano subito a noi con una piacevolissima “Seek In The Ice”, canzone più riflessivache enfatizza l’aspetto tastieristico del sound dei Nostri, mantenendo sempre l’approccio decisamente melodico. La title-track convince ad un primo ascolto forse un po’ di meno, ma cresce innegabilmente con il tempo. La canzone assomiglia peraltro, nella vocalità e nello stile compositivo, ai Circle II Circle di Zackary Stevens, band molto apprezzata da chi scrive. Si attende però poco prima che la successiva “Escape” ci ri-presenti elementi di maggior presa e ci ricatturi nel mood più ‘soft’ del disco. “Destiny” ci presenta il secondo ospite, il singer Titta Tani, che già sentimmo in azione con Ashent, DGM e Phoenix Rising. Il duetto con Aguzzi è ancora una volta buono, e il pezzo staziona tra i nostri ascolti preferiti di questo buon prodotto. Pur perdendo un po’ di coesione sugli ultimi pezzi (unico vero difetto imputabile al disco) “The X Experiment” ci piace e ci diverte. Non siamo qui a gridare al capolavoro ma, di fatto, è anche innegabile che spesso sono questi dischi quelli che più volte finiscono nel lettore. Un “The Mountain” degli Haken è sicuramente qualitativamente su un altro livello, ma richiede di un mood e di circostanza più stringenti per apprezzarlo appieno, “The X Experiment” ha dalla sua una flessibilità e un’immediatezza di fruizione che lo rendono un prodotto sicuramente interessante.

TRACKLIST

  1. It's Beginning
  2. The End Of The World
  3. Seek In The Ice
  4. The X Experiment
  5. Escape
  6. My Destiny
  7. The Others
  8. Follow Your Star
  9. Last Solution
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.