DREAMARCHER – Harding

Pubblicato il 18/03/2018 da
voto
7.5
  • Band: DREAMARCHER
  • Durata: 00:18:05
  • Disponibile dal: 09/03/18
  • Etichetta: Indie Recordings
  • Distributore: Audioglobe

I norvegesi Dreamarcher tornano a due anni anni e mezzo di distanza dal debutto omonimo, e lo fanno con un EP. Tre pezzi per poco meno di venti minuti che ci raccontano un piccolo spaccato della zona di Hardanger, della quale il gruppo è originario. Per chi si non avesse ancora avuto modo di ascoltarla, la proposta del quartetto non può essere fatta rientrare nel calderone folk, o del metal con influenze di musica tradizionale. Tutt’altro: il sound dei Nostri è molto moderno, post metal e post rock che si incontrano e si fondono, tra sfuriate debitrici del post black/hardcore più al vetriolo e divagazioni melodiche funamboliche che molto devono ai Mars Volta. Se il primo brano potrebbe essere tranquillamente una outtake del loro primo disco, i tre nuovi pezzi mostrano comunque – pur senza stravolgimenti stilistici – una band cresciuta e più a fuoco per quanto riguarda il songwriting. “Dalen” è dotato di un gusto melodico innegabile e di un ritornello che si stampa in testa, mentre il brano di chiusura, “Omuta”, ci mostra il lato più intimista e cupo della musica dei Dreamarcher. E’ il pezzo più complesso in termini di struttura, nel quale è proprio questo mood plumbeo a fungere da filo conduttore. Una menzione d’obbligo va al ruolo – delicato e pregevolissimo – del violino, unico strumento che si ricollega direttamente ed esplicitamente alle tematiche trattate (il violino è stato, in questa regione particolarmente isolata, vittima nell’800 del fanatismo religioso, in seguito all’accusa di essere strumento del diavolo ed evocatore di demoni). Un lavoro piacevole, molto meno solare del precedente (dunque più Converge e meno Deafheaven) ma davvero troppo corto, soprattutto pensando alla complessità del tema che la band ha inteso sviluppare. In ogni caso, i Dreamarcher riescono, ancora più che in passato, a farsi apprezzare anche da chi non ama tutto ciò che è incasellabile come ‘post’. Un buon antipasto, in attesa del prossimo album.

TRACKLIST

  1. Dalen
  2. Aske
  3. Omuta
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.