DREARINESS – Before We Vanish

Pubblicato il 12/04/2022 da
voto
7.5
  • Band: DREARINESS
  • Durata: 00:55:51
  • Disponibile dal: 15/04/2022
  • Etichetta:
  • My Kingdom Music

Spotify:

Apple Music:

I Dreariness fanno parte della lunga schiera di band che hanno raccolto meno di quanto abbiano seminato: formatisi ormai dieci anni orsono, hanno dato alle stampe due album apprezzati dalla critica ma senza mai avere un riscontro adeguato (l’esordio “My Mind Is Too Weak To Forget” del 2013 e “Fragments” del 2016), per rallentare la propria attività fino al lockdown del 2020, quando l’ispirazione è tornata sotto forma dell’ottimo EP “Closer”, molto vicino all’elettronica.
Ora, rafforzati dall’ingresso in formazione, questa volta in pianta stabile, di alcuni collaboratori che fino a questo momento avevano lavorato da esterni, i romani si rifanno vivi con il nuovo “Before We Vanish”, concept album basato sul ‘dilemma del porcospino’, concetto elaborato da Schopenhauer, secondo il quale più due esseri umani sono vicini tra loro, tanto più è alta la probabilità che finiscano col ferirsi, e la loro opera si rivela interessante anche sul piano musicale oltre che su quello tematico. Il disco è composto da sei lunghi brani che, decadenti e in un certo qual modo romantici, non evidenziano novità sostanziali rispetto al passato, se non un suono più articolato, visto che la band consta ora di sette elementi, e si muove tra delicato shoegaze e momenti di selvaggio black metal, privilegiando sempre il lato emotivo della propria musica. In mezzo a tutto ciò, rimarchevole la prestazione vocale di Tenebra, che sa districarsi perfettamente tra parti melodiche che possono ricordare i Klimt 1918 ed aggressioni di scream disperato in stile Cadaveria; sempre rimanendo in ambito voce, buona l’idea di aggiungerne anche una maschile, soprattutto nei passaggi più ruvidi. L’interpretazione e la fusione di generi comunque consolidati è compiuta in modo sufficientemente personale e qua e là si sentono anche suoni che vanno al di fuori dei limiti consueti: tra questi è impossibile non citare “Rehash”, per la quale possiamo parlare di sludge e dei Cult Of Luna. Un’altra delle componenti, forse retaggio del già menzionato EP di due anni fa, è l’elettronica, soprattutto in forma di effetti e distorsioni, come nella catartica “Excise”. “Exhale”, che chiude il disco, è il pezzo più ‘positivo’, introspettivo nella prima parte e tumultuoso nel finale, ma sempre in equilibrio precario tra rassegnazione e speranza.
“Before We Vanish” è un viaggio nella sofferenza, ostico e profondo, ma che vale la pena di essere intrapreso.

TRACKLIST

  1. Skin
  2. Drain
  3. Rehash
  4. Inhale
  5. Excise
  6. Exhale
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.