DUN RINGILL – Welcome

Pubblicato il 18/03/2019 da
voto
7.0
  • Band: DUN RINGILL
  • Durata: 00:41:51
  • Disponibile dal: 01/03/2019
  • Etichetta:
  • Argonauta Records
  • Distributore: Goodfellas

Spotify:

Apple Music:

Nati da un progetto della sezione ritmica degli Order Of Israfel, i Dun Ringill si affacciano sul mercato con qualche capello bianco ma anche con la volontà di creare qualcosa di personale e riconoscibile. Lo scheletro della musica dei Dun Ringill affonda le sue radici nella terra umida e muschiosa del doom, con uno sguardo vintage che posa spesso sugli anni Settanta. I numi tutelari possono essere ritrovati negli imprescindibili Black Sabbath (“Snow Of Ashes”), così come i Cathedral, il cui spettro aleggia sul freakshow grottesco costruito in “Welcome To The Fun Fair Horror Time Machine”. Allo stesso tempo, però, la formazione svedese arricchisce la sua tavolozza di colori grazie alla linfa proveniente da mondi vicini e lontani. L’influenza principale è quella del folk e della tradizione celtica: flauti ereditati dai maestri Jethro Tull (“Dun Ringill”, non a caso, è anche un brano scritto da Ian Anderson su “Stormwatch”), e chitarre acustiche dal sapore antico ed arcano.
Gli echi del passato più remoto, perfettamente esemplificati dalla festosa “Open Your Eyes (And See Happiness and Truth)”, si intarsiano su una solida base elettrica, che spesso strizza l’occhio all’hard rock (“Black Eyed Kids”), creando interessanti contrasti. Tra gli episodi più efficaci, a confermare la buona qualità dell’album, citiamo senza remore “The Door”, trascinante e coinvolgente, con il suo cantato sinistro e ossessivo; e la conclusiva “The Demon Within”, brano dalle molteplici sfumature, impreziosite da un ottimo assolo all’organo hammond dell’ospite Per Wiberg.
“Welcome” non è uno di quei lavoro di facile presa, capace di conquistare come un colpo di fulmine fin dal primo ascolto: si insinua di soppiatto, magari in maniera meno deflagrante, ma lasciando nell’ascoltatore quel retrogusto persistente che lo invoglia a non lasciare questo primo full-length a prendere polvere sullo scaffale.

TRACKLIST

  1. Welcome to the Fun Fair Horror Time Machine
  2. Black Eyed Kids
  3. Open Your Eyes (and See the Happiness and Truth)
  4. The Door
  5. Snow of Ashes
  6. The Demon Within
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.