DYSTOPIA NÅ! – Dweller on the Threshold

Pubblicato il 22/08/2015 da
voto
7.0
  • Band: DYSTOPIA NÅ!
  • Durata: 01:01:39
  • Disponibile dal: 09/06/2015
  • Etichetta: Avantgarde Music
  • Distributore:

Nuovo ricchissimo album per i Dystopia Nå!, i quali si sono fatti attendere un po’ più del previsto per confezionare il successore dell’interessante “Syklus”. A quattro anni dalla pubblicazione del debutto, il gruppo norvegese si ripresenta in una forma se possibile ancora più complessa: la gamma di influenze pare essersi ampliata, il materiale è diventato ulteriormente ricercato e la durata delle singole composizioni si è allungata non poco. Con “Dweller on the Threshold” siamo alle prese con un’ora di avantgarde black-doom metal dalle numerose sfaccettature: musica sofisticata, colma di spunti inattesi sempre pronti a impreziosire ed espandere le fragili armonie di partenza. La proposta della band di nuovo dà l’impressione di essere il frutto di una fusione dell’operato di più famose realtà scandinave: l’indole progressive degli In The Woods si sposa con la degenerazione degli Shining svedesi, le finezze in chiave psichedelica e l’elegante epicità degli Enslaved vengono frenate e rese un po’ più accessibili da digressioni in territori cari ai Katatonia di alcuni anni fa. Chiaramente tutti questi accostamenti vanno presi con le pinze, dato che i Dystopia Nå! devono ancora farne di strada per scrivere capitoli immortali della nostra musica, ma è indubbio che i ragazzi abbiano studiato bene i fondamentali e non abbiano paura di mettersi in gioco. Come per il debut album, a volte si ha la sensazione che le tracce siano più un insieme di vari momenti – più o meno vincenti – che canzoni vere e proprie; in certi episodi vi è davvero troppa carne al fuoco, non tutto appare strettamente necessario e ispirato e in questo il gruppo ricorda vagamente i vecchi Green Carnation, altra formazione che agli esordi faceva tutto fuorchè ricercare la semplicità. I Dystopia Nå! sono giovani ed evidentemente devono ancora vincere la loro voglia di strafare: ciò li porta a perdersi in qualche giro di troppo, ma, al tempo stesso, non impedisce loro di mettere in mostra – almeno qua e là – una verve e qualche trovata da non sottovalutare. Sarà il caso di continuare a seguirli.

TRACKLIST

  1. Doppelgänger
  2. Intruder/Ephialtes
  3. Shadowcasting Horologe
  4. Through Mirrors, Darkly
  5. Moment Of Lucidity
  6. Winding Stares Into Nothing
  7. Lucidity (Phase II)
  8. Cold Is The Colour
  9. My Eyes Are The Atoms Of The Sun
  10. Final Encounter
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.