EASTERN FRONT – Blood On Snow

Pubblicato il 28/09/2010 da
voto
7.5
  • Band: EASTERN FRONT
  • Durata: 00:49:12
  • Disponibile dal: 13/09/2010
  • Etichetta: Candlelight
  • Distributore: Audioglobe

Formatisi meno di quattro anni fa, gli inglesi Eastern Front hanno bruciato velocemente le tappe arrivando alla pubblicazione di questo "Blood On Snow". Forte del supporto della sempre più attiva Candlelight, il quintetto londinese propone un black metal dalle tinte guerrigliere che a ben vedere può essere accomunato a quanto proposto dai norvegesi Vreid. Nessuna influenza sinfonica o forti inflessioni melodiche, gli Eastern Front, pur senza suonare forzatamente retrò ed attaccati alle radici del genere, si affidano ad una produzione affilata e dal taglio moderno che alimenta l’incedere martellante delle composizioni: tocca a "Stalinorgel" l’onore di aprire le danze sulle veloci parti strumentali e gli agghiaccianti vocalizzi di Nagant, forse leggermente fuori contesto con i suoi profondissimi growl, più adatti a partiture death, ma abile nel fornire una prova varia e tecnicamente ineccepibile. Nei suoi quasi cinquanta minuti di durata, "Blood On Snow" si rivela essere un prodotto dotato di buona varietà e che saprà fare la felicità di chi ama in ugual misura aggressione e parti più cadenzate e cariche di atmosfera, valorizzate in questo caso dall’aura guerrigliera a cui si ispira l’intero lavoro. "Battle Of Smolensk", la tellurica titletrack, l’incedere marziale di "Unleash The Panzer Division" e l’epica "Motherland" rappresentano a perfezione le due facce della formazione, sempre abile nel contrapporre ritmi rapidi a stacchi thrasheggianti, di Abbathiana memoria, a momenti acustici e sinfonici senza mai dover scadere nel banale o risultare forzatamente pomposi. Scortati dalla breve ma intensa intro "Dvenadtzat Kilometrov Ot Moskvy" ci si avvicina verso le battute finali del lavoro con "At The Gates Of Moscow" e "Where Warriors Once Fell", tracce che racchiudono nel loro considerevole minutaggio un buon riassunto di quanto espresso nelle precedenti canzoni del platter. Insomma, non ci si può proprio lamentare di questo primo parto degli Eastern Front, che hanno dato alle stampe un lavoro qualitativamente superiore e capace di mantenere alto l’interesse dell’ascoltatore per tutta la sua (considerevole) durata. Degna di nota la produzione di Anders Backelin (Lord Belial) negli ormai sempre più famosi e frequentati Sonic Train studios di Andy La Rocque. "Blood On Snow" probabilmente non piacerà ai puristi del genere, coloro che snobbano a priori le produzioni troppo pulite o lavori come il suddetto che disdegnano i classici cliché del genere. Ascolto invece caldamente consigliato a tutti gli amanti dell’estremo, siamo certi che "Blood On Snow" non sfigurerà all’interno della vostra collezione.

TRACKLIST

  1. Stalinorgel
  2. Battle Of Smolensk
  3. Blood On Snow
  4. Unleash The Panzer Division
  5. Motherland
  6. Dvenadtzat Kilometrov Ot Moskvy
  7. At The Gates Of Moscow
  8. Where Warriors Once Fell
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.