ELM STREET – Barbed Wire Metal

Pubblicato il 18/11/2011 da
voto
6.0
  • Band: ELM STREET
  • Durata: 00:39:13
  • Disponibile dal: 18/11/2011
  • Etichetta: Massacre Records
  • Distributore: Audioglobe

Proveniendo anche gli Elm Street dall’Australia, possiamo sfruttare un parallelismo con una altra band del continente Oceanico per introdurre questa nuova band al debutto scritturata sotto Massacre. Avete in mente gli scanzonati Airbourne? Ecco, se li conoscete, potete pensare che gli Elm Street stanno al metal classico (Iron Maiden, Judas Priest) come loro stanno all’hard rock degli AC/DC. Il parallelismo non è chiaro? Beh, forse le nostre abilità da scribacchino non sono così elevate da trasmettervi appieno questo concetto, ma possiamo assicurarvi che è quello che verrà in mente anche a voi se ascolterete questo “Barbed Wire Metal”. Con questo debutto, gli Elm Street riescono, esattamente come i più noti Airbourne, a prendere un modello (nel nostro caso principalmente gli Iron Maiden) e a riproporne le caratteristiche vincenti del loro sound in una veste sguaiata ed eccessiva, estremizzando tutto quello che sono i cliché di un genere e portando sul piatto una versione ipervitaminizzata e ultra divertente del modello base da cui erano partiti. Nel caso degli Elm Street, ad essere estremizzata non è l’energia ed i ritmi dell’hard rock, ma piuttosto la violenza schiacciasassi di riff assassini e la velocità di assoli taglienti come rasoi. Partendo dunque da una base che si pone a cavallo tra la pesantezza ritmica dei Judas Priest di “Painkiller” e le soluzioni a chitarre accoppiate degli Iron più abrasivi di “Piece Of Mind”, gli Elm Street condiscono a modo loro una partenza assolutamente derivativa e poco originale, trasformandola però in un tripudio metallico confusionario ma dannatamente divertente, che non manca di attirare l’attenzione sui suoi momenti migliori (la più strutturata “Merciless Soldier” e l’iniziale, ben più travolgente, “Barbed Wire Metal”), facendoti invece dimenticare in fretta dei momenti più deboli (“Heavy Metal Power”, non brutta ma abbastanza incolore). A questa proposta musicale già di per se scanzonata e rumorosa, la band associa poi tutta un’altra serie di ‘esagerazioni’ che ci strappano un sorriso di simpatia. Dalle immagini tamarissime dei membri della band tutti vestiti di pelle, magliette dei gruppi e borchie, intenti a sfoggiare lingue estratte, croci e gesto delle corna, fino ai titoli delle canzoni forse ancora più scoppiati come “Metal Is The Way” o “The Devil’s Servants”; tutto qua sembra un monumento all’esagerazione e ai cliché del metal. Se a tutta questa ridanciana pacchianeria ci aggiungiamo una copertina rappresentante uno zombi scheletrico simile all’Eddie del singolo “Be Quick or Be Dead” che investe tra schizzi di sangue alcuni eleganti e anonimi uomini d’affari in giacca e cravatta a bordo di una mega moto, abbiamo un quadro completo della situazione: gli Elm Street sono i classici elementi di divertimento presenti nelle feste collegiali. I tipi fuori di testa, pieni di energia, noti per essere l’anima di tutti i ritrovi festaioli del campus e costantemente presenti agli eventi; ma tutto sommato, nella vita reale, veramente amici di poche persone. Con questo non vogliamo tirare nessun giudizio sui membri della band, sia chiaro, ma l’esempio dovrebbe mostrarci “Barbed Wire Metal” come uno di quei prodotti da mettere in macchina o da fare sentire agli amici quando si è tutti in compagna, magari sghignazzando sulla copertina e sbattendo la testa; ma difficilmente lo troveremo nei lettori al di fuori di queste occasioni. Un prodotto utile quasi solo per passare il tempo, potremmo dire, ma che dal lato suo ha che te lo fa passare dannatamente bene. Ascoltateli, se volete solo un po’ di metal senza cercarvi contenuti. Se siete amanti del metal concettuale e ricercato alla Opeth… beh, alla larga.

TRACKLIST

  1. Barbed Wire Metal
  2. The Devil’s Servants
  3. Elm St’s Children
  4. Heavy Metal Power
  5. King Of Kings
  6. Leatherface
  7. Merciless Soldier
  8. Metal Is The Way
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.