ENDLESS – The Truth, The Chaos, The Insanity

Pubblicato il 11/04/2016 da
voto
4.5
  • Band: ENDLESS
  • Durata: 01:03:54
  • Disponibile dal: 25/03/2016
  • Etichetta:
  • Power Prog

Spotify:

Apple Music:

A sorpresa tornano sul mercato gli Endless di Vitor Veiga, che molti power metal fan ricorderanno bene come cantante degli Aquaria nei loro due album, “Luxeterna” e “Shambala”, usciti nel 2005 e 2007. Qualche cenno storico per cominciare: gli Endless si formano nel 1995 a Rio De Janeiro a seguito del successo a livello mondiale dei connazionali Angra, e rilasciano un primo demo nel 1998, demo che porta al primo contratto discografico con la Megahard ed a “Eternal Winds” nel 2000; dopo anni di silenzio con la band in stand-by e forse sciolta per l’attività del cantante Vitor Veiga con i più promettenti Aquaria, ecco a sorpresa nel 2006 “A Dream At The Sun”, al quale segue un nuovo stop di ben dieci anni, interrotto infine oggi con questo nuovo “The Truth, The Chaos, The Insanity”, che esce per la Power Prog records. Il sound che gli Endless propongono è un progressive metal non eccessivamente tecnico molto sporcato da power metal di scuola sudamericana, una sorta di estremizzazione prog del sound degli Angra nel periodo “Temple Of Shadows” e “Aurora Consurgens”. Il problema di questa band, strumentalmente eccellente, questo va detto, risiede nel songwriting, fondamentalmente privo di concretezza e senza capo nè coda; i brani, quasi tutti, cominciano in un modo, a metà cambiano, e prima di chiudere cambiano ancora, quasi a caso, apparentemente senza un vero progetto alla base, e quelli, pochi, che sembrano possedere una linea vera tra inizio e fine, prima o poi tirano fuori qualcosa che non c’entra nulla, che stona e rovina tutto. E Vitor Veiga ci mette molto del suo per guastare l’ascolto; il cantante, bisogna ammetterlo, possiede un tono vocale gradevole ed una buona estensione, ma rovina continuamente la prestazione lanciandosi in falsetti improbabili non nelle sue capacità all’inseguimento di quell’Andre Matos che non sarà mai. Inappropriata anche la produzione, più adatta a certo teen pop che ad un disco metal. Disco insufficiente, come i due precedenti. Onestamente non sentivamo affatto la mancanza di questa band; Vitor, avresti dovuto riportare in vita gli Aquaria, non gli Endless.

TRACKLIST

  1. A New Sunrise
  2. The Code Of Light
  3. Will Of Destiny
  4. The Truth, The Chaos, The Insanity
  5. Black Veil Of Madness
  6. Veins Of Blood
  7. Save Me From Myself
  8. Lady Of The Lake
  9. Under The Sun
  10. Puppets On A Stage
  11. A World Without Fantasy
  12. Celestial Dreams
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.