ENSOPH – Project X-Katon

Pubblicato il 30/03/2006 da
voto
6.5
  • Band: ENSOPH
  • Durata: 00:46:19
  • Disponibile dal: 21/03/2006
  • Etichetta: Cruz Del Sur Music
  • Distributore: Audioglobe

Streaming:

Nati come interessante formazione gotico-progressiva concettualmente legata ad un’esplorazione delle tematiche esoteriche il più possibile lontana dalle banalizzazioni non rare in una certa scena, i veneti Ensoph hanno progressivamente spostato il proprio raggio d’azione nei territori del cyber-goth di matrice Kovenantiana. Il nuovo “Project X-Katon” conferma questa tendenza e accentua l’aspetto meticcio del suono del quintetto, che qui avanza nel processo di fusione tra suggestioni industriali e rivisitazione del proprio retaggio metal. Il termine di paragone più immediato, come detto, sono i Kovenant di “Animatronics”, un’influenza che affiora a volte in modo decisamente tangibile nel suono degli Ensoph; i nostri, però, dimostrano di prediligere un approccio più intellettuale alla materia e evitano l’assuefazione da quattro quarti danzereccio, lasciando spazio a figure ritmiche più complesse. L’album è ricco e stratificato, ma difficile; mancano un paio di ritornelli davvero vincenti, la capacità di catturare l’ascoltatore senza perdere in impatto. In questo senso gli Ensoph non sembrano aver trovato un equilibrio solido: brani come “D-Generation”, pur dimostrando ricercatezza di arrangiamenti e intelligenza melodica, risultano difficilmente fruibili, poco accattivanti. “Project X-Katon” è un buon disco, indubbiamente maturo, ma il suono degli Ensoph ha bisogno di un’ultima messa a punto per potersi confrontare con quello dei grandi senza dover mettere da parte l’interessante retroterra concettuale sul quale si regge.

TRACKLIST

  1. In The Name Of Freedom
  2. Condemned
  3. Kirillow’s Bullet ( aleksjej Nilyc: A Russian Trilogy Pt. 1 )
  4. D-Generation
  5. Icons In The Dust
  6. Un Petalo Di Pietà
  7. Getsemani
  8. The Source Becomes Desert
  9. Holy Bleeds ( rodiòn Romànyc: A Russian Trilogy Pt. 2 )
  10. Pain, Pride & Regret
  11. Leaving No Trace Behind ( ivan Karamazov: A Russian Trilogy Pt. 3 )
  12. In The Name Of Freedom (Reprise)
  13. Condemned (Radio Edit)
  14. Icons In The Dust (Radio Edit)
  15. Leaving No Trace Behind (Radio Edit)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.