ENSOPH – Rex Mundi X-ile

Pubblicato il 24/03/2009 da
voto
7.5
  • Band: ENSOPH
  • Durata: 00:54:44
  • Disponibile dal: 16/02/2009
  • Etichetta: Cruz Del Sur Music
  • Distributore: Audioglobe

Streaming:

Quarto album in studio per i veneziani Ensoph e, finalmente, il cerchio comincia a quadrare: dopo tre lavori comunque apprezzabili e denotanti una sempre pressante ricerca di personalità, anche se a volte non andata del tutto in porto, il quintetto nostrano giunge a questo “Rex Mundi X-ile” tirato a lucido, carichissimo ed intenzionato a lasciare il segno. I ragazzi, fin dalla loro nascita, hanno cercato di portare il loro suono a livelli sempre più ricchi ed elevati, ed il gothic industrial metal che propongono oggigiorno insinua i propri tentacoli in diverse branchie della (fanta)scienza metallica, passando per un’immagine cyber-sado-punk dalle forti tinte e attraverso una serie di tematiche sempre in bilico tra Occultismo, Esoterismo e profane Verità. Come detto, le sonorità di casa Ensoph, pur non essendo mutate molto dal recente passato, hanno guadagnato ancora in spessore, profondità e, soprattutto, immediatezza: “Rex Mundi X-ile” è un disco quasi ingolfato da arrangiamenti e contaminazioni, ma nonostante ciò già dal primo ascolto – ancor più ovviamente se attratti e appagati dal genere – vi troverete completamente immersi e avvolti dalla malsana, robotica, estatica ed inquietante atmosfera che la band riesce a generare. Non stiamo parlando di un album claustrofobico ed opprimente, sia chiaro, bensì di un lavoro infetto che riunisce al suo interno le coordinate di Kovenant, Marilyn Manson (soprattutto “Antichrist Superstar”), Arcturus, Forgotten Sunrise e – perché no? – Death SS e Sadist: tutte formazioni in grado di donare carattere sinistro e malvagio alla loro musica ed infatti gli Ensoph sono bravissimi ad infondere ansia nell’ascoltatore (in merito segnaliamo le parole dell’outro, “Come In Uno Specchio”, davvero disturbanti). Elettronica, sample, loop, synth ed effettistica vengono usati con abbondanza ma non se ne patisce l’abuso, anzi, sono fra i punti di forza del platter, così come la magniloquenza di certi passaggi epici e ridondanti, spesso sottolineati da cori operistici e voci femminili che farebbero comodo a certi Therion o agli ormai spuntati Cradle Of Filth. Poco utile citare brani rappresentativi, vero, ma certo è che pezzi come “The Whore & The Ashetist”, la mansoniana “In Cinere Et Cilicio”, “9XS” e “Disciplina Arcani (Un Canto Per L’Esilio)”, quest’ultima interamente cantata in lingua madre, hanno una marcia in più. Potrebbero osare qualcosa oltre sulla velocità media delle tracce, gli Ensoph, in quanto si sente un po’ la mancanza, alla lunga, di sezioni veramente urticanti. Ma, a parte tale minuscolo appunto, null’altro da rimproverare a N-Ikonoclast e compari androidi: il loro nuovo album brilla di luce propria senza alcun timore reverenziale verso chicchessia, lavoro che affascina e tormenta in pari dosi. Da assumere possibilmente per via endovenosa.

TRACKLIST

  1. Evil Has Found A Servant
  2. Dance High & Shine, Shiva!
  3. Shame On You!
  4. Splendour & Majesty
  5. In Cinere Et Cilicio
  6. The Whore & The Ashetist
  7. Thir(s)ty Pieces Of Silver
  8. … And I Hear A Voice
  9. 9XS
  10. Disciplina Arcani ( Un Canto Per L’ Esilio )
  11. Come In Uno Specchio
  12. Would? (cover Alice In Chains)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.